Risveglio Milan, poker a Lecce e Napoli agganciato

Monday 22 June 2020 di Salvatore Riggio

Guardare con più fiducia alla rincorsa per un posto in Europa. Il lavoro di Stefano Pioli sta dando i suoi frutti perché il Milan vince a Lecce per 4-1 e perché lo fa giocando una bella partita con spunti interessanti e con giocate individuali importanti. Segnano Castillejo, Bonaventura, Rebic e Rafael Leao (proprio lui, il giocatore più criticato dopo il pari di coppa contro la Juventus), ma in questa vittoria ci sono anche le firme di Theo Hernandez e Calhanoglu. Il terzino conferma di essere un trattore imprendibile sulla fascia (ogni tanto commette qualche amnesia difensiva), mentre il turco si inventa due assist deliziosi per il vantaggio di Castillejo e il tris di Rebic. Il Milan mostra maturità anche nel saper rispondere al pareggio firmato su rigore da Mancosu. I meriti sono tutti di Pioli che, però, forse non avrà tempo di proseguire il suo lavoro sulla panchina rossonera. Perché i contatti tra il club di via Aldo Rossi e Ralf Rangnick continuano, nonostante le solite (e pressoché inutili) smentite. Al di là di questi discorsi dirigenziali, resta la gara giocata dal Milan. Le invenzioni di Castillejo e Calhanoglu, le corse di Theo Hernandez, la gioia di Bonaventura (sarà svincolato a fine stagione) e il sacrificio di Rebic. Senza Ibrahimovic (infortunato), il croato gioca da falso nueve, ma si fa vedere pure in difesa. Un modo per archiviare l’espulsione contro la Juventus.

LEGGI LA CRONACA

Guarda la classifica

Ultimo aggiornamento: 29 June, 19:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA