Juve, lite Allegri-Bonucci: il difensore sarà multato. Dani Alves rientra

Lunedì 20 Febbraio 2017 di Timothy Ormezzano
Leonardo Bonucci

A poco più di 48 ore da Porto-Juve, andata degli ottavi di Champions League, Allegri è alle prese con dubbi e tensioni. Intorno alla formazione modulo 4-2-3-1 ci sono ancora i cartelli dei lavori in corso.

No, non dalla cintola in su, dove agiranno quasi sicuramente Khedira e Pjanic, con il trio Cuadrado-Dybala-Manduzkic alle spalle di Higuain. I due posti ancora da assegnare sono entrambi in difesa. Dani Alves sta provando a sorpassare a destra Lichtsteiner, comunque favorito per giocare dal primo minuto dopo aver riposato venerdì scorso contro il Palermo. Proprio quando il brasiliano ha reclamato più spazio («vorrei dare maggiore qualità alla squadra, non sono contento perché non gioco quanto vorrei»), ricordando di aver lasciato il Barcellona per accompagnare la Signora nelle notti di Champions.

L’altro nodo da sciogliere è al centro della trincea. Chiellini e Barzagli, smaltiti i rispettivi acciacchi muscolari, stanno forzando i carichi di lavoro per non perdersi la trasferta lusitana. Dei due sembra più vicino al recupero Chiellini. Decisivo il test di domani mattina, prima di decollare per Oporto. La priorità è comunque non correre rischi, visto che i due non sono più di primissimo pelo. A maggior ragione considerata la disponibilità di Rugani (favorito su Benatia) per fare coppia con Bonucci. Quest’ultimo è il “colpevole” delle ultime tensioni del mister, non nuovo a certi siparietti a nervi scoperti. A Doha Allegri voleva prendere la squadra «a calci nel culo», mentre a Firenze ha insultato il quarto uomo Liberatore («testa di ...») con lo stesso epiteto rifilato nel concitato finale di Juve-Palermo a un furibondo Bonucci, probabile destinatario di una multa. Ad agitare il tecnico ci sarebbero anche i dubbi sul suo futuro. L’Inghilterra chiama sia Allegri che lo stesso Bonucci: chissà se l’anno prossimo ne resterà soltanto uno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA