Gravina promuove la Salernitana in Serie A: «Ok al trust di Lotito, ma staremo attenti»

Mercoledì 7 Luglio 2021
Claudio Lotito

Gabriele Gravina promuove definitivamente la Salernitana in serie A. La serie A è finalmente al completo, da oggi le venti squadre che parteciperanno alla stagione 2021 - 2022 sono ufficiali e la Salernitana è l'ultima squadra ad accedere alla massima serie, nonostante sia stato il Venezia a vincere la finale dei playoff per la promozione.

 

Leggi anche > Euro 2020, Luis Enrique: «Tiferò per gli Azzurri». E gli italiani si innamorano di lui: «Noi tifiamo per te grande uomo...»

 

Vane, dunque, le speranze dei tifosi del Benevento per un ripescaggio che si era paventato negli ultimi giorni, ma Gravina ha dato un termine ultimo di sei mesi che potrebbe far sprofondare definitivamente la Salernitana in pieno svolgimento di stagione. Il presidente della Federcalcio ha dato il via libera al trust proposto da Claudio Lotito che, per il regolamento della serie A, non poteva essere al comando di due club contemporaneamente.

 

«Assecondiamo la proposta di trust ma saremo molto attenti e vigili - dichiara il numero uno della Figc, Gravina -, affinché tutto quanto non si trasformi in una violazione del principio di indipendenza e influenza gestionale. C'è il termine, entro sei mesi la Salernitana deve cambiare proprietario tramite il trust e, se questo non avviene la Salernitana verrà esclusa dal campionato di Serie A».

 

La decisione è stata annunciata al termine del consiglio federale che ha deliberato l'ok al trust proposto dalle due società riconducibili a Claudio Lotito. 

 

«Non sono state fatte valutazioni politiche, non ci sono condizioni personali, ho solo l'obiettivo della tutela del calcio italiano», ha specificato Gravina, anticipando che nei prossimi giorni si andrà verso l'abolizione della multiproprietà: «Avevamo dettato una decisione, che non consentiva il diritto alla multiproprietà. Entro il 15 luglio al prossimo consiglio porteremo un provvedimento che detterà un'evoluzione definitiva delle multiproprietà. Non si può andare avanti rischiando di vivere altri 40 giorni come quelli appena conclusi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA