Genoa-Sampdoria 1-1, le pagelle: Zappacosta surclassa Candreva, Tonelli croce e delizia

Mercoledì 3 Marzo 2021 di Daniele Petroselli

A Marassi è 1-1 tra Genoa e Sampdoria nel derby. Si decide tutto nella ripresa con Zappacosta che porta dopo pochi minuti avanti i padroni di casa, raggiunti poi da un colpo di testa di Tonelli. Un punto che va bene a entrambe.

 

LE PAGELLE DEL GENOA

PERIN 6
Inoperoso per un tempo, molto attento nella ripresa, quando sventa qualche occasione pericolosa della Samp, vedi il tiro di Candreva deviato da Keita. Non può nulla sul pari di Tonelli.

MASIELLO 6.5
Controlla senza troppi affanni, sempre attento a chiudere Quagliarella, non in una serata fortunata. Senza infamia e senza lode.

RADOVANOVIC 6.5
Uno dei più attenti della retroguardia del Grifone. Ottimo in fase di chiusura, così come in impostazione del gioco. Solo uno svarione, il tocco che porta all'angolo che permette poi a Tonelli di pareggiare.

GOLDANIGA 6
Sempre lucido, prova a non farsi mai trovare impreparato proprio lì dove la Samp spinge spesso. Sale nella ripresa anche come ritmo.

CRISCITO 6
E' lui a impostare spesso l'azione dalla difesa, non perfetto in alcune scelte ma nel secondo tempo, quando si decide l'incontro, c'è eccome.

STROOTMAN 7
Con l'olandese il Genoa ha guadagnato molto non solo in palloni rubati, ma anche in geometrie e idee. E' lui che ispira la magia di Zappacosta (dal 37' st Cassata sv).

BADELJ 6.5
In fase di pressione mette in difficoltà il centrocampo avversario, non facendo ragionare la mediana di Ballardini. In crescita.

ZAJC 6.5
Molto cercato dai compagni, prova spesso la giocata di prima e l'invenzione, come quando coglie la traversa con un tiro-cross velenoso. Una spina nel fianco per la retroguarda blucerchiata.

ZAPPACOSTA 7
Tanto dell'incontro sembra decidersi nello scontro tra lui e Candreva sulla fascia sinistra rossoblu, parte bene ma poi tende a perdersi. Nella ripresa invece è più coraggioso e il gol, una vera perla, lo carica e gli fa vincere il duello.

DESTRO 6
Sgomita, lotta, prova a cercare l'idea giusta ma si vede pochissimo al tiro. Con i suoi movimenti però ha sfiancato la difesa blucerchiata. Lavoratore silenzioso (dal 28' st Pandev sv)

SHOMURODOV 6
I duetti con Destro spesso creano difficoltà alla retroguardia blucerchiata, lotta davvero tanto e alla fine paga in precisione negli ultimi metri (dal 37' st Pjaca 6: ci mette tanta voglia, si rende pericoloso in un paio di occasioni).

BALLARDINI 6
La imposta sul fisico, per poco non sfiora l'ennesimo capolavoro. Il Genoa con lui è davvero cresciuto tanto. Peccato perché l'acuto nel derby poteva essere la ciliegina sulla torta.

 

LE PAGELLE DELLA SAMPDORIA

AUDERO 5.5
Nel primo tempo si lascia sfuggire un pallone velenoso a porta vuota, per fortuna che Destro commette fallo altrimenti sarebbe stato un vero disastro. Calcola male anche il tiro-cross di Zajc che si stampa sulla traversa. Serata non molto brillante.

BERESZYNSKI 5.5
Parte col freno a mano tirato, per cercare di coprire le possibili scorribande di Zappacosta, migliora con l'andare dei minuti ma molto in copertura e poco in fase offensiva. In una delle poche disattenzioni Zappacosta lo punisce.

TONELLI 6
Attento come sempre, lotta molto e prende anche qualche pestone di troppo. Sbaglia sul gol di Zappacosta ma si rifà col la zuccata che vale il pareggio.

COLLEY 6
Tra i più disciplinati e sicuri della retroguardia di Ranieri. Il tecnico lo sgrida solo per qualche lungaggine di troppo nelle uscite dalla pripria metà campo. Rimane una sicurezza.

AUGELLO 6.5
In fase di contenimento è come sempre preciso, quando spinge sulla fascia prova a mettere qualche cross interessante. Sempre molto generoso.

CANDREVA 6
Contro Zappacosta è una sfida da vincere scatto dopo scatto e l'ex interista sembra avere la meglio, ma solo per un tempo. Cala alla distanza ma dal suo calcio d'angolo nasce il pareggio.

EKDAL 5.5
Tra i meno lucidi del centrocampo della Samp. Spesso sbaglia i tempi di inserimento e di chiusura degli avversari. Troppo spesso fuori tempo.

SILVA 6
Buono quando c'è da pressare e mettere in difficoltà la mediana del Genoa. Quando c'è da ragionare e impostare la manovra si vede poco.

VERRE 5.5
Fa vedere tocchi deliziosi, prova a servire le punte ma le sortite spesso non trovano uno sbocco decisivo, tanto che poi alla fine esce dopo pochi minuti della ripresa. (dal 14' st Jankto 6: mette quella pressione in più in mezzo al campo che porta al pari blucerchiato).

QUAGLIARELLA 6
Fa a sportellate con la difesa del Grifone, viene anche dietro a prendersi palla e tentare qualche apertura lunga delle sue. Davanti ci prova spesso ma trova di fronte a sè un muro (dal 32' st Ramirez 5.5: prova a far ragionare i suoi ma non si vede troppo).

KEITA 5
Prova a farsi vedere, ma solo a sprazzi. Rimane imbottigliato tra i difensori del Genoa e quando riesce a partire (poco) in velocità, è troppo irruento. Per poco non trova il gol su un tiro di Candreva ma è l'unico spunto, neanche cercato (dal 26' st Gabbiadini 5: con l'azzurro la situazione cambia davvero poco).

RANIERI 5.5
Squadra che praticamente si fa surclassare a metà campo, prova a rimediare nel secondo tempo e Tonelli lo salva dal ko. Non una delle partite migliori dei suoi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA