Erling Haaland, dalla foto da antidivo alla lite coi buttafuori che lo cacciano dalla discoteca

Lunedì 13 Luglio 2020
Erling Haaland, dalla foto da antidivo alla lite coi buttafuori che lo cacciano dalla discoteca

Un talento innegabile, ma anche qualche comportamento sopra le righe. Erling Haaland, a neanche 20 anni, è già destinato a brillare nei massimi palcoscenici calcistici, ma forse dovrà cercare di migliorare lontano dal campo. L'ultima foto che l'attaccante norvegese del Borussia Dortmund aveva fatto pensare a molti: «Finalmente un ragazzo normale e non un montato». Quanto accaduto poche ore dopo, però, ha smentito le prime supposizioni.

Leggi anche > Tottenham, choc per Aurier: il fratello del calciatore ucciso a 26 anni. Caccia al killer in fuga

Con la fine della Bundesliga, il massimo campionato tedesco, Erling Haaland ha fatto ritorno in Norvegia per passare le vacanze insieme alla famiglia. L'ultima foto pubblicata su Instagram lo mostra in un bosco, con una motosega in mano e accanto al papà, l'ex centrocampista Alf-Inge Haaland, noto per una discreta carriera in Premier League ma soprattutto per il lungo scontro con Roy Keane, culminato nell'intervento 'horror' dell'ex capitano del Manchester United. Tutto quello che il calcio ha tolto al papà, sembra essere stato restituito con gli interessi al figlio. Erling Haaland, 20 anni tra pochi giorni, ha tutto: forza, tecnica, velocità.

«L'inverno sta arrivando, tagliamo un po' di legna», scrive Erling Haaland, con un chiaro riferimento a una delle sue serie tv preferite, Game of Thrones. Uno scatto divertente e diverso da quello di tanti suoi colleghi e coetanei, che ha fatto pensare a molti di essere di fronte, oltre che ad un calciatore meraviglioso, anche ad una sorta di antidivo. Poche ore dopo, però, è accaduto il 'fattaccio': in una discoteca, Erling Haaland è stato allontanato da un paio di buttafuori e immortalato da alcuni presenti. La situazione è sempre stata sotto controllo, ma il giovane e talentuoso attaccante non sembra affatto contento della decisione dei buttafuori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA