​Elicottero in campo per un finto rapimento: l'addio al calcio di un 55enne siciliano costa una maxi-squalifica

Elicottero in campo per un finto rapimento: l'addio al calcio di un 55enne siciliano costa una maxi-squalifica
​Elicottero in campo per un finto rapimento: l'addio al calcio di un 55enne siciliano costa una maxi-squalifica
2 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Aprile 2019, 11:57 - Ultimo aggiornamento: 12:28

Follia nella terza categoria siciliana durante la partita tra il Città di Viagrande e Play Shop Nebrodi. Un 55enne ha messo in scena un addio al calcio come fosse un film d'azione. Infatti un vero elicottero è atterrato sul terreno di gioco e tre finti banditi hanno rapito il giocatore. Naturalmente il gesto è costato una maxi-squalifica. 

È accaduto lo scorso 30 marzo a Viagrande, in provincia di Catania. Una regia curata da Ignazio Barbagallo, 55enne giocatore della formazione di casa, che si è inventato un “addio” hollywoodiano, lasciando di stucco l'arbitro e tutti i presenti. Così l’allenatore del Viagrande è stato costretto al cambio e la partita è ripresa. Non fosse abbastanza, la scena è stata documentata da un video con la "Cavalcata delle Valcherie" come sottofondo. Il giudice sportivo ha inflitto alla società una multa di 200 euro oltre alla squalifica del campo fino al 31 maggio. Barbagallo, invece, è stato squalificato fino al 6 giugno “per aver abbandonano il terreno di gioco senza il permesso dell’arbitro servendosi di un elicottero il cui atterraggio non era stato autorizzato, causando una potenziale situazione di pericolo per tutti i presenti”. 
 




Ecco il testo del referto stilato dall'arbitro, incredulo. «Al 22’ del secondo tempo, a gioco fermo, un calciatore del Viagrande mi informa della necessità di fare atterrare un elicottero sul terreno di gioco, motivando il tutto come emergenza non meglio specificata. Così, sospendo la gara in modo da permettere l’atterraggio. L’elicottero alzava una grande quantità di terra rendendo la visibilità molto difficoltosa. Pertanto riuscivo solamente a scorgere un calciatore del Viagrande salire sull’elicottero, che prontamente decollava liberando il terreno di gioco. Riuscivo a identificare il calciatore salito sull’elicottero, perché l’allenatore chiedeva che venisse sostituito da una riserva. Il calciatore in questione è il signor Barbagallo Ignazio (numero 18),che fino a quel momento stava prendendo parte alla gara. Dopo 3’ di interruzione ed effettuata la sostituzione, riprendo regolarmente la gara. Faccio presente che non sono in grado di stabilire se sussisteva una qualsiasi situazione di emergenza tale da giustificare l’accaduto».




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA