Davide Bombardini, l'ex calciatore a processo per tentata estorsione

L'ex centrocampista di Palermo, Roma, Atalanta e Bologna rinviato a giudizio insieme a due ultrà dell'Inter, Andrea Beretta e Claudio Morra

Davide Bombardini, l'ex calciatore a processo per tentata estorsione
Davide Bombardini, l'ex calciatore a processo per tentata estorsione
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 16:48 - Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 18:40

Davide Bombardini a processo per tentata estorsione. L'ex calciatore, ora imprenditore, è stato rinviato a giudizio dal gup di Milano, Lorenza Pasquinelli, insieme a due ultrà dell'Inter: Andrea Beretti e Claudio Morra. Per i tre, il pm Leonardo Lesti aveva chiesto il processo perché avrebbero minacciato una persona per farsi consegnare 100mila euro ciascuno.

Leggi anche > Roma, Luigi Ciatti dell'Ambulatorio anti usura di Confcommercio: «Oramai un'impresa su 3 si sente esposta al racket»

Il 48enne ex centrocampista, che ha giocato anche con Palermo, Roma, Atalanta e Bologna, insieme ai due ultrà e ad una persona mai identificata, stando all'imputazione, avrebbe tentato di costringere «con minaccia» la presunta vittima «a consegnare dapprima a Bombardini», poi a Beretta e Morra, «la somma di 100mila euro». E ciò malgrado, scrive il pm, il 59enne, che avrebbe subito il presunto tentativo di estorsione, «non avesse alcun debito nei confronti del Bombardini», dato che aveva «corrisposto» a lui il «saldo relativo all'acquisto delle quote sociali della 'Milano Procaccini srl'», impresa edile, che l'ex trequartista rosanero «deteneva».

I tre, sempre secondo l'accusa, si sarebbero recati il 28 novembre 2018 in un cantiere a Milano dove il 59enne lavorava. E avrebbero usato «toni e modi aggressivi ed intimidatori» per richiedere quel «credito del tutto inesistente», dicendogli che se non avesse consegnato i soldi avrebbero «agito di conseguenza». I due ultrà, in particolare, gli avrebbero detto che «erano creditori» dell'ex calciatore e che quindi «da adesso in poi sarebbero stati i suoi creditori e i 100mila euro avrebbe dovuto darli a loro».

Il giorno dopo, poi, Bombardini avrebbe telefonato per ribadire «la richiesta illecita» dicendo che aveva «tempo fino alla sera per pagare», altrimenti «avrebbe visto cosa sarebbe successo». L'uomo, però, fece denuncia e scattò l'inchiesta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA