La cittadinanza italiana a Luis Suarez scatena la polemica sui social

Lunedì 14 Settembre 2020
Luis Suarez

"Non diamo la cittadinanza italiana a centinaia di migliaia di giovani nati in Italia. Ma la diamo in dieci giorni a Luis Suarez perché è un grande centravanti che serve alla Juventus (e nonostante la sua passione per i morsi). Ingiustizie ne abbiamo?"
Con questo tweet al vetriolo, lo scrittore romano Tobia Zevi ha dato il via ad un dibattito social che ha immediatamente creato due tifoserie. 

Leggi anche > Juve, Suarez si avvicina il trio delle meraviglie (con CR7 e Dybala)

Luis Suarez, uno degli attaccanti più forti e famosi al mondo, è sempre più vicino a vestire la maglia della Juventus. Questo ha, come prevedibile, scatenato varie polemiche fra gli appassionati di calcio. Ma sui social in queste ore la diatriba non riguarda tanto il suo talento calcistico, quanto la possibilità di ottenere la cittadinanza italiana
 


L'attaccante uruguaiano dovrebbe infatti sostenere un esame di lingua italiana (livello B1) all'Università per Stranieri di Perugia, scrive la Gazzetta dello Sport, indispensabile per poter ottenere il passaporto italiano, ma qualcuno storce il naso. Come Tobia Zevi, tanti altri utenti sui social hanno fatto notare che nel nostro Paese nascono, vivono, studiano e lavorano migliaia di giovani che hanno origini straniere, ma per loro ottenere la cittadinanza rappresenta una corsa a ostacoli ben più difficile. Per questo, la polemica verte sulla facilità con la quale il Pistolero Suarez, essendo un famoso calciatore, potrebbe raggiungere l'obiettivo. 

Ma le cose stanno davvero così? Pare infatti che non sia tanto facile quanto si creda, né ingiusto. L'attaccante avrebbe infatti già avviato le pratiche da più di un anno, e dovrebbe ottenere legalmente il passaporto extracomunitario, senza il quale la Juventus non potrebbe tesserarlo. Inoltre, la sua compagna Sofia Balbi già possiede la cittadinanza italiana perché di origine friulana, per questo non ci sarebbe alcun illecito. In Spagna questo problema burocratico non si poneva, mentre per la Serie A italiana il doppio passaporto è necessario. Sul web, tuttavia, i tempi son molto più rapidi della burocrazia e la polemica è stata servita su un piatto d'argento. Come si concluderà lo scopriremo solo aspettando. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA