Disastro azzurro, Capello attacca: «Imitiamo Guardiola, calcio sterile. Siamo il paese del passaggio al portiere»

Disastro azzurro, Capello attacca: «Imitiamo Guardiola, calcio sterile. Siamo il paese del passaggio al portiere»
Disastro azzurro, Capello attacca: «Imitiamo Guardiola, calcio sterile. Siamo il paese del passaggio al portiere»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Marzo 2022, 15:33 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 19:59

«Un calcio che imita il Guardiola di 15 anni fa, tutti passaggetti laterali, nessuna verticalità, poca forza fisica, la disabitudine al contrasto: e invece dovremmo inseguire il modello di Klopp, un calcio alla tedesca..». È l'impietosa analisi di Fabio Capello, dopo la mancata qualificazione al Mondiale da parte dell'Italia, eliminata dalla Macedonia del Nord a Palermo.

«L'unica a fare questo in Italia e l'Atalanta, e guardate che risultati ha avuto - prosegue Capello - In Europa si gioca a un altro ritmo, e non siamo abituati. Certo, i settori giovanili hanno pochi italiani, i giovani convocabili non trovano spazio in A, ma alla base c'è questa idea di calcio sbagliata. Siamo il Paese del passaggio indietro al portiere...».

«Se attaccanti 'verticali' come Osimhen, Lukaku, Abraham che nei loro campionati erano normali in A diventano fenomeni, dobbiamo porci delle domande», ha aggiunto Capello.

«Agli arbitri dico di fischiare meno, ai giocatori di tuffarsi meno, agli allenatori di inventarsi qualcosa di diverso, ai settori giovanili di dare spazio agli italiani. Mancini è un ottimo allenatore, ma ieri con la Macedonia del Nord era evidente la mancanza di freschezza atletica».

E quanto al possibile rinnovamento, «mi sorprende leggere le statistiche di certe partite: quel giocatore ha fatto 45 passaggi, ma quanti utili o illuminanti? Non c'è più chi apra il gioco, chi faccia un lancio in profondità. Qualcosa sta provando Italiano, qualcosa Blessin al Genoa che è anche più avanti di Klopp. Ripeto, la via è il modello tedesco, se inseguiamo quello spagnolo la tecnica non c'è..»

© RIPRODUZIONE RISERVATA