Mal comune, mezzo gaudio: la nuova moda dei vip è il coming out sanitario, da Verdone alla Brilli

Giovedì 1 Ottobre 2020 di ​Nico Riva
Mal comune, mezzo gaudio: la nuova moda dei vip è il coming out sanitario, da Verdone alla Brilli

Dal coming out sessuale a quello sanitario: la nuova frontiera delle confessioni social delle celebrità sono patologie e infortuni. «Trasmette realtà. L’aria di mistero che una volta avvolgeva le star non è più interessante», spiega a Leggo Nancy Brilli. L’attrice nel 2017 rispose su Facebook a delle insinuazioni elencando le operazioni subite per malattia. Sabato scorso è stata la volta di Carlo Verdone

Leggi anche > Alessandro Giuli e Francesca Fagnani, ecco "Seconda Linea": «Varietà e informazione, ma non sarà un talk. Primo ospite? Bonolis»

Con un video ha annunciato un intervento dopo anni di dolori, che gli impedivano pure di camminare. La ripresa non è ancora ultimata, ma come recita il famoso proverbio cinese: ogni lungo viaggio inizia con un primo passo, che l’artista romano ha voluto condividere sul web per la gioia di migliaia di fan.

Sui social network, spesso utilizzati per raccontare una vita filtrata, c’è quindi chi «si racconta come persona oltre che come personaggio, senza indorare la pillola», prosegue Nancy Brilli. «Il pubblico è confortato dalla condivisione. È un messaggio di coraggio». Come quello di Emma Marrone, che ha aggiornato i fan sul suo cancro. Di Elena Santarelli, che ha raccontato il tumore del figlio. Kasia Smutniak ha fatto della sua vitiligine un’opportunità per «imparare ad accettare e amare i difetti». E Samantha De Grenet ha mostrato a tutti il suo gomito (fasciato) del tennista. Un nuovo modo per umanizzare la propria immagine e rendere partecipi i fan nelle sfide della vita che colpiscono tutti, indipendentemente dalla notorietà. E forse, anche per sentirsi meno soli quando non c’è più nulla da fare, come per la compianta Nadia Toffa
Il fenomeno nasce oltreoceano: dalla malattia di Lyme di Justin Bieber al cancro alla pelle di Hugh “Wolverine” Jackman, passando per la fibromialgia di Lady Gaga. Per dire: «Anche noi ci ammaliamo, e non c’è niente di cui vergognarsi».

riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 16:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA