Masterchef, Magnolia porta in tribunale Callegaro
il vincitore dell'ultima edizione: "Poteva partecipare?"

Giovedì 4 Giugno 2015 di Claudio Fabretti

Metti un giudice tra i fornelli di MasterChef. E il cooking show finisce in tribunale. Magnolia, società produttrice del programma di Sky, ha infatti deciso di «agire giudizialmente» per accertare se il vincitore dell’ultima edizione, Stefano Callegaro, avesse rispettato o meno le condizioni per partecipare alla trasmissione. In poche parole: sarà un giudice a stabilire se è vero - come sostiene da tempo Striscia la notizia - che Callegaro ha già lavorato come cuoco professionista prima di prendere parte al programma.

Magnolia precisa che dalle verifiche svolte finora «non vi è evidenza documentale di attività svolte da Callegaro riconducibili al lavoro di cuoco», ma risultano anche «testimonianze in contraddizione». Così, per cautelarsi, la società ha citato in giudizio il trionfatore di Masterchef, in modo da «arrivare a un accertamento della situazione che tuteli la credibilità del programma e gli interessi di tutti i soggetti coinvolti».

«Ci sono voluti quasi tre mesi e 38 fra inchieste e interviste, ma alla fine Magnolia si è convinta», gongola Striscia. In ballo c’è anche la causa ad opera dei concorrenti dell'ultima edizione del talent di Sky, che hanno deciso di procedere per vie legali contro Callegaro. E, a rendere ancor più paradossale la vicenda, è il fatto che 7 di loro saranno rappresentati dall'avvocato Tiziana Stefanelli, vincitrice della seconda edizione dello show. Insomma, un gran pasticcio - per restare al lessico culinario - che solo un giudice potrà valutare. Ma stavolta resterà in bocca comunque un retrogusto amaro.

Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA