Noemi a Verissimo, la commovente lettera del marito: «Io ti amo lo so dire»

Noemi ricorda a Verissimo il periodo buio prima della rinascita e la vicinanza di suo marito

Noemi a Verissimo, la commovente lettera del marito: «Io ti amo lo so dire»
Noemi a Verissimo, la commovente lettera del marito: «Io ti amo lo so dire»
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Febbraio 2022, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio, 18:36

Noemi ricorda a Verissimo il periodo buio prima della rinascita. Reduce dall'ultima esperienza sanremese, oggi si piace ed è felice di aver ritrovato il contatto con il pubblico. Non dimentica però che al suo fianco ha sempre avuto suo marito Gabriele, che le ha sempre detto chiaramente in cosa sbagliava. E proprio leggendo una sua lettera non nasconde la commozione. 

Leggi anche > Roberta Capua a Verissimo: «Ho preso il Covid prima di Sanremo e temevo di non farcela. La virologa Ilaria? È mia cugina»

Noemi a Verissimo

«Quando raggiungi degli obiettivi - spiega a Verissimo - c'è sempre la paura che poi ti scappino di mano. Indietro mi sono lasciata tanti modi di pensare, il pensare che non si possa cambiare. Non si può cambiare l'essenza, ma i procedimenti mentali che mandano fuori strada sì. Forse delle volte non si può farlo da soli. Hai bisogno qualcuno che ti dica 'non fare le stesse cose'. Mio marito mi ha aiutato a lasciare andare certi pensieri negativi, certe prese di posizione molto dure che sono state degli ostacoli».

Noemi a Verissimo

«Lui - continua la cantante - non si è mai stancato di dirmelo. A un certo punto mi sembrava che quello che avevo costruito non faceva stare bene me e le persone che mi circondavano. Sono ripartita da zero». E poi Silvia Toffanin le legge la lettera che ha scritto il marito per ribadire la sua scelta di starle accanto nella buona e nella cattiva sorte e di quanto sia orgoglioso della donna che è diventata. La missiva si conclude con un'allusione al suo ultimo brano «Io ti amo lo so dire». «Io non mi emoziono mai. Lui mi è stato veramente vicino. È stato coraggioso lui perché finché va tutto bene è facile stare vicini. Spero di avere la stessa forza io se lui dovesse avere delle necessità». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA