Leonardo Spinazzola ospite a Verissimo: «Dopo l'infortunio ho videochiamato la mia famiglia, piangevano tutti»

Spinazzola ripercorre a Verissimo le emozioni del trionfo agli europei della nazionale italiana

Leonardo Spinazzola Verissimo dopo il brutto infortunio con la Nazionale: «Questo sarà il mese più importante»
Leonardo Spinazzola Verissimo dopo il brutto infortunio con la Nazionale: «Questo sarà il mese più importante»
di Ida Di Grazia
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Ottobre 2021, 19:28

Leonardo Spinazzola a Verissimo dopo il brutto infortunio con la Nazionale: «Questo sarà il mese più importante». L'esterno della Roma, ospite di Silvia Toffanin sabato 9 ottobre, è uno dei  protagonisti nell'ultimo Europeo vinto dall'Italia. 

leggi anche > Scene da un Matrimonio, seconda puntata: Anna Tatangelo a Sarno con Alessia e Michele

Leonardo Spinazzola, uno dei giocatori simbolo della Nazionale Italiana campione d’Europa, ospite insieme a sua moglie e ai suoi due bambini, sabato 9 ottobre a Verissimo, ripercorre le emozioni del trionfo azzurro di quest’estate e di come i compagni lo abbiano gratificato alla premiazione facendogli ritirare la medaglia per primo: «Quando l’ho presa ero emozionatissimo. È stato un gesto bellissimo di Chiellini e Bonucci e di tutta la squadra che ringrazio ancora. Mi hanno detto che me la meritavo. In quei giorni ho vissuto un’altalena di emozioni pazzesche».

A Silvia Toffanin che gli chiede cos’abbia provato nei momenti successivi il brutto infortunio al tendine d’Achille subito nei quarti di finale contro il Belgio, il terzino della Roma confessa: «Dopo venti minuti ho fatto una videochiamata alla mia famiglia dallo spogliatoio e mi è tornato subito il sorriso, anche se loro avevano il viso pieno di lacrime. Fa parte del gioco, io vado avanti e mi godo quello che ho. Questo stop mi ha dato un’ulteriore forza interiore e mi ha fatto crescere molto: ora mi sento un leone».

Il peggio però è passato e ora Spinazzola vede la fine del calvario: «Adesso sto bene, questo sarà il mese più importante perché dovrò fare un lavoro più di qualità che di quantità. Le stampelle le ho lasciate da quattro settimane e adesso sto riiniziando a camminare bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA