Le Iene, Rocco Casalino e il caso Grillo «Non avrei usato quelle parole ma...»

Martedì 27 Aprile 2021 di Ida Di Grazia
Le Iene: Rocco Casalino per la prima volta parla del caso Grillo «Non avrei usato quelle parole ma non mi far esporre»

Le Iene: Rocco Casalino per la prima volta parla del caso Grillo «Non avrei usato quelle parole ma non mi far esporre». Questa sera 27 aprile, in prima serata, su Italia1 il servizio di Roberta Rei e Marco Occhipinti sul video shock pubblicato da Beppe Grillo qualche giorno fa sul caso di cronaca che vede coinvolto suo figlio Ciro e tre suoi amici, denunciati da una ragazza italo svedese di 19 anni, per violenza sessuale. 

 

Leggi anche > Denise Pipitone, a Chi l'ha visto ci sono nuovi documenti inediti

 

Rocco Casalino, che non si era ancora espresso in nessun modo sullo sfogo pubblico del comico genovese, commenta il caso Grillo nel servizio de “Le Iene” di Roberta Rei e Marco Occhipinti in onda stasera, 27 aprile, in prima serata, su Italia1. (Credits uff. stampa Mediaset)

Roberta Rei ha cercato l’ex storico capo della comunicazione dei pentastellati, per chiedergli cosa ne pensasse del video shock pubblicato da Beppe Grillo qualche giorno fa sul caso di cronaca che vede coinvolto suo figlio Ciro e tre suoi amici, denunciati da una ragazza italo svedese di 19 anni, per violenza sessuale. Grillo, dopo aver commentato il comportamento della presunta vittima della violenza, ha parlato anche di suo figlio, dei suoi amici (che si dichiarano innocenti, ndr.) e di un filmato girato la sera in cui si sarebbe consumato l’abuso. Quelle del politico sono state parole forti, inaspettate che nella politica hanno generato moltissime polemiche e anche la senatrice Giulia Bongiorno, avvocato della ragazza che ha denunciato, è stata attaccata.

«Non mi fate esprimere nulla - dice Casalino - intanto massima comprensione per il dolore di un padre che sta vivendo sicuramente una situazione difficile, poi nel merito ovviamente non avrei usato quelle parole ma non mi far esporre…Credo davvero che le ragioni siano da comprendere nell’istinto naturale di un padre nel voler proteggere il proprio figlio, non credo in nessun’altra dietrologia insomma…  Quello che ho visto io è la reazione soprattutto di un padre, perché sono convinto che lui oggi non userebbe le stesse parole, nel senso che è stato, istintivo, era molto di pancia secondo me quel video no?»

 

«Eh però perché non l’ha fatto prima allora scusa?», chiede l'inviata. Casalino: «No appunto, forse vedere il video, quel video, gli ha provocato una reazione di istinto e il risultato è stato quello. Sottolineo il fatto che ovviamente non condivido le cose dette, io non avrei detto quelle cose». L'intrvista integrale questa sera a Le Iene

 

Rei: «Cos’è che ha sbagliato secondo te? È giusto che si commenti questa cosa, cioè, perché dire “il ruggito ferito di un papà”, non è giustificabile questo ruggito.In cosa ha sbagliato? Anche nei confronti di questa presunta vittima che è un dibattito spiacevole». Casalino: «No secondo me… tu mi vuoi far entrare dentro, no? Ragazzi, io non vorrei fare le interviste, mi fate mangiare un panino? Beh il Movimento ha preso una posizione chiara. Differenziandosi dalle esternazioni di Grillo, specialmente sul tema delle donne, anche sul tema della giustizia, sull’indipendenza della Magistratura.  Io non avrei fatto così… io… ragazzi dovete anche capire che succede a qualsiasi essere umano di essere coinvolto sentimentalmente da una vicenda e in quel momento si può perdere, diciamo, in razionalità… se lo vedi quel video si vede che non è razionale no?»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA