Il Commissario Ricciardi, parla l'attrice Daniela De Vita: «La mia Vipera sexy ma fragile»

Giovedì 25 Febbraio 2021 di Giuliana Covella

Sexy ma soprattutto brava, anche senza parole. Così è apparsa Daniela De Vita, protagonista “muta” della penultima puntata del Commissario Ricciardi. La 32enne del Rione Traiano ha infatti interpretato il ruolo di Vipera, la prostituita uccisa che sul set non parla mai perché viene trovata morta sin dai primi minuti. Il penultimo episodio della serie tratta dai libri di Maurizio de Giovanni ha ancora una volta calamitato l’attenzione dei telespettatori, alla vigilia dell’ultima puntata, che andrà in onda lunedì 1 marzo. 

«Il commissario Riccardo»: la video-parodia di Andrea di Maria sulla fiction del momento

«Contrariamente a quel che si possa pensare, non è facile recitare da morti - dice - Vipera è bella, sensuale, tormentata. Eppure non ha mai la possibilità di parlare, nemmeno nei flashback dove la vediamo da viva. Ho lavorato con gli occhi, con l’espressione e con le lacrime versate di fronte al fidanzato (interpretato da Emanuele Vicorito) ho “detto” al pubblico chi fosse quella donna». Un ruolo che inizialmente non doveva essere suo: «ero andata a fare il provino per il ruolo di un’altra prostituta in un altro episodio, ma appena mi ha visto D’Alatri ha urlato “Vipera! Sì, è lei!”. Non riuscivo a capire: pochi minuti dopo mi ha spiegato che ero io il volto che stava cercando». Il debutto per Daniela, bella e caparbia, è arrivato a 22 anni (“Ti stimo fratello” di Paolo Uzzi), con piccoli ruoli tra teatro, cinema e tv (tra cui “Forcella strit” di Abel Ferrara e “Gioco dell’amore e del caso” tratto da Marivaux e diretta da Mario Santella).

«Non sono mai scesa a compromessi - precisa - ho interpretato la poliziotta, la cassiera, la pazza…ma ho cercato di sfatare il luogo comune che bellezza non equivale a bravura. Per essere credibile un attore deve essere vero. Chiaro poi che un pizzico di fascino e sensualità aiuta e non c’è nulla di male a metterlo in evidenza». «I miei miti? Sophia Loren e Penelope Cruz, però non le imito. Mi piacciono perché incarnano la donna verace mediterranea, ma sul set resto sempre Daniela De Vita». Alla passione per il mondo dello spettacolo la 32enne accompagna quella per la scrittura: «da circa 5 anni ho un diario nel cassetto che è la storia della mia vita, che non è stata sempre felice e chissà che un giorno non diventi una sceneggiatura…». Intanto sui progetti futuri non si sbottona: «sto girando un film per il cinema e una serie tv per la Rai, ma per scaramanzia meglio non parlarne».

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 07:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA