Doc nelle tue mani, anticipazioni: nell'ultima puntata un colpo di scena stravolgerà tutto

Ultimo appuntamento con la seconda stagione della fiction “Doc – Nelle tue mani”, giovedì 17 marzo alle 21.25 su Rai 1 con Luca Argentero, Matilde Gioli, Pierpaolo Spollon , Alice Arcuri e Sara Lazzaro

Doc nelle tue mani, anticipazioni: nell'ultima puntata un colpo di scena stravolgerà tutto
Doc nelle tue mani, anticipazioni: nell'ultima puntata un colpo di scena stravolgerà tutto
di Ida Di Grazia
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 17:20

Doc nelle tue mani, anticipazioni: nell'ultima puntata un colpo di scena stravolgerà tutto. Giovedì sera il finale di stagione della fiction di Rai 1 campione d'ascolti. Riuscirà Andrea Fanti (Luca Argentero) a riottenere il primariato? Attenzione all'interno di questo articolo potrebbero esserci degli spoiler.

leggi anche > Striscia la notizia: Lorella Cuccarini sostituirà la Manzini positiva al Covid-19

Il medical drama con Luca Argentero, Matilde Gioli e Pierpaolo Spollon volge alla fine e l’ottavo e ultimo appuntamento sarà ricco di colpi di scena. Giovedì 17 marzo, come sempre su rai 1 andranno in onda gli ultimi due episodi.

Nel primo episodio, dal titolo Stigma, quando ormai è a un passo dal riavere il primariato, Doc è costretto a una confessione dolorosa davanti a tutto il reparto. Mentre i medici cercano di salvare la vita a un giovane militare con sintomi inspiegabili, Agnese comincia a indagare sull’operato di Caruso. Ma quando un batterio molto aggressivo si diffonde in reparto, tutti i medici devono cambiare le loro priorità. 


Nel secondo, intitolato Mutazioni, chiusi in reparto in una quarantena forzata, i medici sono impegnati in una lotta contro il tempo per fermare un batterio multiresistente che li ha contagiati tutti. Doc propone una soluzione drastica e rischiosa, ma sarà Giulia a dover decidere se fidarsi di lui e affrontare le conseguenze della sua scelta. Nel frattempo, Agnese e Cecilia sono a un bivio: collaborare per aiutare Andrea o lasciare che le loro divisioni prevalgano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA