Lella Costa canta le donne della storia con 'Se non posso ballare... questa non è la mia rivoluzione'

Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Carcano dal 5 all'8 aprile

Lunedì 21 Marzo 2022 di Elena Fausta Gadeschi
Lella Costa. Ph Giovanni Gastel

«Se non posso ballare... questa non è la mia rivoluzione». È una delle citazioni più famose dell'attivista anarchica Emma Goldman e anche il titolo del nuovo spettacolo di Lella Costa, che torna sul palco del Teatro Carcano di Milano per dare voce e corpo alle decine di donne che hanno fatto, ognuna a proprio modo, la storia.

 

Leggi anche > Milano, la Bam saluta la primavera con laboratori e ballo. E si prepara a quattro stagioni di eventi

Lella Costa nello spettacolo 'Se non posso ballare... questa non è la mia rivoluzione'

Ispirato a 'Il Catalogo delle donne' valorose di Serena Dandini, lo spettacolo, a firma di Serena Sinigaglia, porta in scena una serie di eroine della nostra epoca e ne traccia un ritratto sincero e irresistibile.

Si va da Mary Anderson, che ha inventato il tergicristallo, a Lillian Gilbreth, ideatrice della pattumiera a pedale. Dalla due volte premio Nobel Marie Curie a Olympe De Gouges, a cui si deve la stesura della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina. Ci sono Tina Anselmi, primo ministro della Repubblica italiana, la fotoreporter Ilaria Alpi, la coreografa Martha Graham, la ballerina Pina Bausch, la poetessa Emily Dickinson e, naturalmente, la scrittrice Virginia Woolf. 

Entrano una dopo l'altra, chiamate con una citazione, un accento, una smorfia, un lazzo, una canzone, una strofa, un ricordo, una poesia, un gemito, una risata. O solo col nome, perché a volte non serve aggiungere altro. Una al minuto. Tante eppure non ancora tutte le valorose che Lella Costa, che in uno spettacolo di grande virtuosismo, riesce ad evocarle con la voce e con i gesti, invitandole come un gran cerimoniere, ad entrare e ballare con lei. Perché questa è la vera rivoluzione.

Lo spettacolo andrà in scena nelle seguenti date:
martedì 5 aprile ore 20.30
mercoledì 6 aprile ore 20.30
giovedì 7 aprile ore 20.30
venerdì 8 aprile ore 19.30

© RIPRODUZIONE RISERVATA