Sanremo, ecco Maria Chiara Giannetta. Amadeus: «Fantasanremo? Nessuno ha mancato di rispetto»

Sanremo, tocca a Maria Chiara Giannetta: «Dopo Drusilla sarà durissima»
Sanremo, tocca a Maria Chiara Giannetta: «Dopo Drusilla sarà durissima»
4 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Febbraio 2022, 12:53 - Ultimo aggiornamento: 15:59

Sanremo 2022, stasera tocca a Maria Chiara Giannetta, protagonista della fiction Rai Blanca. E in conferenza stampa scherza: «Sono una fan di Drusilla Foer, speravo di non esserci io sull'Ariston dopo di lei, sarà durissima». «Mi sento come un'invitata a un matrimonio reale. Non appartengo a questo mondo, ma è un invito bellissimo». «Con Amadeus ci siamo conosciuti ai Soliti Ignoti. Galeotte furono le friselle», ha scherzato l'attrice.

Adinolfi choc: «Droga dietro le quinte, è evidente guardando alcune esibizioni»

«Certo, volevo fare quella simpatica e intelligente, ma dopo Drusilla che è stata meravigliosa, dovrò cambiare strategia - ha scherzato -. Il mio approccio al festival sarà quello di dare alla musica la me stessa che ha colpito Amadeus». La giovane attrice ha poi commentato la scelta delle altre donne: «Siamo tutte donne diverse, tutte straordinarie in quello che fanno. Ho realizzato di essere la più piccola, e mi voglio divertire come i più piccoli».

Emma inseguita dai carabinieri nella notte: «Sono fott**a! Quanto vale al Fantasanremo?»

Amadeus: Fiorello non tornerà, domani niente ospiti

«Non credo proprio che Fiorello tornerà. E non credo che domani sera ci siano ospiti. A parte un paio di momenti di punteggiature, le protagoniste saranno le supercanzoni», ha detto Amadeus. Sulla scelta della Giannetta, si sbilancia: «Mi lascio guidare dall'istinto, nessuna di loro era una mia vecchia conoscenza; mi lascio guidare da quel che percepisco da ognuna di loro. Maria Chiara Giannetta è una ragazza che mi piace per come si pone, per il suo sorriso; e piace molto alla gente perché è percepita come la tua amica che ti fa dire 'caspita, quanto è brava!', come l'attrice della porta accanto».

 

«Ogni intervento degli ospiti sul palco di Sanremo 2022 è condiviso, pensato, voluto, con il desiderio di portare il meglio e di dare il massimo», ha sottolineato il conduttore e direttore artistico del festival di Sanremo. «Sono davvero felice per la risposta del pubblico anche alla serata con tutti i 25 big in gara: grazie a tutti gli artisti saliti sul palco e agli ospiti, che hanno messo grandissimo entusiasmo e collaborazione - afferma Amadeus - Si è creato proprio un bel clima con un grande gruppo». 

Amadeus: mi ha chiamato Mattarella

«Ho ricevuto una telefonata dal presidente Mattarella: se non avessi visto lo 06 e la persona che mi ha chiamato dicendo che mi avrebbe passato il presidente, non ci avrei creduto. È stata una telefonata bellissima: il presidente ha seguito il festival, si è complimentato e ha ringraziato per l'omaggio che lo ha commosso», ha rivelato Amadeus, emozionato, in sala stampa. «È la sua telefonata che mi commuove, gli ho detto. È stato un omaggio semplice, fatto con il cuore. Il presidente ha ricordato la serata alla Bussola, essendo un grande fan di Mina ha gradito veramente il nostro omaggio. Lo ringrazio di cuore, questo gesto mi commuove». «È stata una telefonata che non dimenticherò mai, è chiaro - aggiunge Amadeus -, avrei voluto quasi registrarmela e farla sentire un giorno ai nipoti. È stato emozionante: anche il tono di affetto, diretto, semplice di questo grande uomo mi ha emozionato». 

Amadeus ha poi risposto a una domanda sul Fantasanremo: «Nessuno ha mai voluto mancare di rispetto al festival della musica italiana con il Fantasanremo», dice non mostrandosi turbato dallo spazio che il gioco social ha progressivamente preso durante le serate, arrivando ieri sera a far modificare a Dargen D'Amico il suo testo, sostituendo Zio Pino con Zia Mara. «È un gioco di 25 cantanti in gara, e anche questo fa cambiamento, rispecchia la realtà in cui viviamo. Non possiamo fare un festival chiuso in una scatola, sempre uguale a se stesso - ha aggiunto -. Mi piace quando certe scatole vengono rotte. Nessuno manca di rispetto verso se stesso, verso l'interpretazione o verso la gara. È un gioco che coinvolge milioni di persone». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA