Sanremo 2021, teatro Ariston effetto Covid. Ma tra tamponi e transenne lo spettacolo ricomincia da qui

Martedì 2 Marzo 2021 di Rita Vecchio

SANREMO - L'astronave #Sanremo2021 atterra su un paesaggio lunare. Una splendida scenografia proiettata al futuro, spiegano. Ma attuale. Basta fare due passi: poche luci, poca musica, nessun palco per i live, nessuna calca per autografi o selfie. Parola d'ordine: distanza. Da quella di sicurezza alle videoconferenze, incontri in presenza pari a zero.

 


DENTRO L'ARISTON


Un paesaggio inimmaginabile, solo un anno fa. Dentro il Teatro Ariston, luci, musica, spettacolo e l'ironia rimbalzante Amadeus - Fiorello che arriverà nelle case di milioni di italiani. Distanza, plexiglass, tamponi ogni 72 ore e attesa esito (uno dei pochi brividi rimasti), applausi registrati e sala senza pubblico. Un teatro blindato, anche durante le prove generali di ieri pomeriggio, per tradizione aperte ai 60 giornalisti che, per la prima volta, hanno dovuto seguirle dai maxi schermi della nuova sala stampa allestita al Casinò.

 


FUORI L'ARISTON

 


Fuori dalle vetrate, invece, un silenzio che sa di attesa, di quotidianità lontana dalle luci festivaliere, e in qualche caso, in qualche bar, in qualche ristorante, in qualche locale, anche di scarse misure anticovid. In un balletto di colori (da arancione scuro, Sanremo da ieri è zona gialla). Al posto del red carpet, tende bianche covid test (più di 2000 i tamponi antigenici effettuati ad oggi). Niente coriandoli o fan accalcati per l'Ermal Meta, il Fedez o i Måneskin di turno. Solo transenne, vigilanza, misurazione della temperatura, kit mascherine FFp2. Strade quasi deserte (per la serie c'è o non c'è il Festival, è lo stesso). Qualche costellazione luminosa fatta di led e insegne qua e là, ma nulla del parco giostre delle 70 edizioni precedenti. Ristoranti aperti fino a tardi solo perché trasformati nell'opzione mensa.

 


SANREMO È SANREMO

 


Perché Sanremo è Sanremo, certo. Che se non fosse per qualche addetto ai lavori con il pass Rai o per l'insegna esterna al Teatro Ariston - 71esimo Festival della canzone italiana 2-6 marzo 2021 -, nessuno si accorgerebbe che siamo nella settimana più seguita dell'anno. La musica non si ferma mai è il claim della kermesse Covid Edition . La musica si è fermata nei live, nei teatri, negli stadi. Ed è da Sanremo che vogliono farla ripartire.

 


riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 10:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA