Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Politica, giornalismo, fiction: taglio del nastro per la rassegna "Il libro possibile"

Politica, giornalismo, fiction: taglio del nastro per la rassegna "Il libro possibile"
di Claudia PRESICCE
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 12:58

Saranno quattro giorni fittissimi di impegni su quella riviera a strapiombo su uno splendente Adriatico. Torna oggi “Il Libro possibile” a Polignano a Mare la rassegna, giunta alla ventunesima edizione e quest’anno dedicata alla figura di Lucio Dalla, che fino a sabato 9 ad un ritmo serratissimo vedrà affastellarsi libri e autori, uno dietro l’altro in differenti location.

L'inaugurazione con Tardelli

Si parte in piazza Aldo Moro con i saluti istituzionali della serata inaugurale alle 19.45 con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e la direttrice del festival Rosella Santoro. Il primo atteso evento è dedicato ai “40 anni dal mitico ’82” che celebra l’indimenticata vittoria ai Mondiali di calcio con il campione Marco Tardelli e la giornalista e compagna Myrta Merlino.

Tutti gli appuntamenti

Alle 20.30 poi arriva Alex Zanotelli che presenta “Lettera alla tribù bianca” (Feltrinelli), denuncia contro disuguaglianze e diritti negati. Tra gli ospiti che per tutta la serata si avvicenderanno in piazza ci sono anche Carlo Cottarelli e Francesco Gabbani, Michele Santoro con un monologo e altri. Poi in piazza San Benedetto dalle 20, contemporaneamente parte un’altra serata con il giornalista Beppe Lopez che presenta il suo ultimo libro “Quartiere Libertà” (Besa) in un dialogo con Ennio Triggiani. Si tratta della trilogia dello scrittore racchiusa in un cofanetto speciale che racconta quattro generazioni di uomini e donne legate a prospettive e speranze coltivate, e spesso rimaste, nel quartiere popolare di Bari. Lopez sarà poi seguito da Gabriella Genisi alle 20.45, che racconterà della sua Lolita Lobosco dal romanzo alla fiction, con Bianca Nappi e Mariagrazia Rongo. Un ritorno poi in Puglia è quello di Gianluigi Nuzzi con il suo “I Predatori” alle 21.45; tra gli altri ospiti di questa prima giornata va citata Francesca Di Gioia con il suo “Note d’Arsenico” (Claudio Grenzi), ma la carrellata di nomi è lunghissima (sul sito illibropossibile.com sarà consultabile l’intero programma). Riguardo agli altri volumi presentati dall’editore pugliese Besa Muci, alle 21.30 alla Terrazza dei Tuffi arriva lo psicoanalista Giacomo Balzano, autore di “Amore ai nostri tempi”, che dialoga con Antonio D’Itollo, storia di Caterina diciassettenne orfana cresciuta da un nonno letterato. Sempre alle 21.30, ma alla Balconata di Santa Candida, Francesca Palumbo presenta il suo romanzo “Hai avuto la mia vita” con la partecipazione di Nino Ghiro. Il libro ruota intorno alla storia dell’assassinio di Lev Trotsky per mano di Ramón Mercader del Río, agente segreto spagnolo naturalizzato sovietico, che irretì l’americana segretaria di Trotsky per avvicinarsi alla casa dell’uomo e ucciderlo. Si segue tra le pagine la storia della donna travolta dall’evento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA