Giovanni Allevi e la malattia, la foto dall'ospedale: «È iniziata la battaglia. Con voi la vincerò»

Il compositore e la lotta contro il mieloma

Giovanni Allevi e la malattia, la foto dall'ospedale: «È iniziata la battaglia. Con voi la vincerò»
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 12:24 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 14:11

A una settimana dall'annuncio pubblico della malattia, Giovanni Allevi torna su Instagram con un aggiornamento direttamente dall'ospedale. Il compositore marchigiano ha rivelato di stare combattendo contro un mieloma multiplo che lo terrà lontano dalle scene finché sarà necessario. 

Stavolta Allevi pubblica una fotografia che lo vede di spalle alla finestra, riconoscibilissimo grazie alla folta chioma. Il dettaglio che tradisce la gravità dello scatto è un busto rigido, che si intravede a cingergli la vita.

«Con il cuore traboccante di gratitudine vi ringrazio immensamente per l'Amore che mi state donando!
Immagino i vostri pensieri di incoraggiamento e vicinanza avvolgere il mio corpo, e dare un sollievo a questo dolore a tratti insopportabile», scrive. «È iniziata la battaglia che mi ha portato nel nucleo più profondo della fragilità umana. Con voi la vincerò! Vi amo! Giovanni».

Mieloma, cosa è

Anziché produrre anticorpi utili, le cellule tumorali producono anticorpi anomali, che possono causare problemi a vari organi, in primo luogo ai reni. Il rischio di mieloma multiplo aumenta con l'età, con un picco di età alla diagnosi oltre i 65 anni.

La probabilità di sviluppare il mieloma è maggiore negli individui di sesso maschile. Una diagnosi di gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS) costituisce fattore di rischio per lo sviluppo di mieloma multiplo. Non è chiaro cosa causa il mieloma; comunque, come per altre neoplasie, il rischio è aumentato nelle persone esposte a radiazioni per motivi accidentali o terapeutici (radioterapia) e nei parenti di pazienti affetti da mieloma, a indicare il possibile contributo di alterazioni genetiche acquisite e congenite nella insorgenza della malattia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA