Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maneskin, Damiano David e le “proteste” di Emma Marrone: «Da maschio sono privilegiato»

Damiano David, Victoria De Angelis ed Emma Marrone (Instagram)
Damiano David, Victoria De Angelis ed Emma Marrone (Instagram)
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Giugno 2021, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 20:12

Damiano David dei Maneskin risponde a Emma Marrone. La cantante Emma Marrone si era lamentata qualche tempo fa degli attacchi sessisti al suo abbigliamento all’Eurovision Song Contest 2021, cosa non accaduta con i Maneskin, che poi tra l’altro hanno portato a casa la vittoria.

Damiano David, Victoria De Angelis ed Emma Marrone (Instagram)

Damiano David dei Maneskin risponde a Emma Marrone

Emma Marrone, paragonando la sua esibizione all’Eurovision Song Contest a quella dei Maneskin, aveva spiegato in un’intervista al “Corriere della sera”: “Invece che essere sostenuta perchè avevo portato un pezzo rock come “La mia città”, un atteggiamento non da classica cantante pop italiana che punta sulla voce e sulla femminilità, venni massacrata: si parlò solo degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito e delle mie movenze. Ora che Damiano dei Maneskin si presenta a torso nudo e con i tacchi a spillo va bene: è evidente che c’è sessismo”.

A risponderle e darle ragione proprio Damiano David: “Il giudizio facile contro il femminile è più feroce – ha fatto sapere in un’intervista a “Vanity Fair” -  costante, svilente. Se io faccio tanto sesso sono un figo e Vic una puttan*, dove io mi mostro forte sono un leader e Vic  una dispotica e rompipalle, che ha successo perché è bona..”.

Damiano David ammette che quella dei maschi è una posizione privilegiata: “Da maschio sono privilegiato, le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna, i commenti sulla mia estetica sono incentrati solo sulla mia estetica e non vanno a insinuare nulla sulla mia professionalità e la mia competenza, mentre le donne sono vittime di questo tipo di pensiero in maniera sistemica. Ma mi è successo di ritrovarmi dal niente con una che tirandomi a sé per un selfie mi ha iniziato a leccare la faccia… ma che vuoi, me l’hai chiesto? Il consenso esiste, ed è doveroso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA