Vangelis, Claudio Baglioni e il post per la morte: «Speravo di incontrarti ancora»

Baglioni ha lasciato il suo messaggio di vicinanza all'autore di "Blade Runner"

Anche Claudio Baglioni omaggia il musicista Vangelis scomparso oggi
Anche Claudio Baglioni omaggia il musicista Vangelis scomparso oggi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Maggio 2022, 22:31 - Ultimo aggiornamento: 23:55

Anche Claudio Baglioni rende omaggio al Evangelos Odyssey Papathanassiou, detto Vangelis, il compositore greco venuto a mancare oggi. Su Instagram il cantante ha pubblicato un post in cui scrive: «Addio Vangelis. Speravo tanto di incontrarti ancora».

Leggi anche > Vangelis morto: è stato il compositore di Blade Runner, aveva 79 anni

Nel post si legge ancora: «E suonare insieme, seduti fianco a fianco, tra le tue mille tastiere. Claudio». Così, Baglioni ha lasciato il suo messaggio di vicinanza all'autore di "Blade Runner" e "Chariots of Fire", aveva 79 anni. Ad annunciare la sua morte è stato il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis: Vangelis era uno dei più celebrati compositori di musica elettronica della sua epoca. 

Nato a Valos, in Grecia, nel 1943, mr. Papathanassiou rivela fin da piccolo un talento musicale non indifferente. Comincia a suonare a quattro anni, e già a sei, e senza avere avuto un'educazione musicale specifica, inizia a esibirsi in pubblico con proprie composizioni. Nei primi anni sessanta forma un gruppo, i Formynx, che diviene presto molto popolare nel suo paese. Nel 1968, dopo il colpo di stato dei Colonnelli in Grecia, il giovane Vangelis decide di trasferirsi a Parigi dove con gli amici greci Demis Roussos e Louckas Sideras forma il trio degli Aphrodite's Child, un gruppo di progressive rock che di lì a poco diventerà famosissimo in tutta Europa con il brano "Rain and Tears".
Dopo lo scioglimento del gruppo viene pubblicato il doppio album "666" (1970), una raccolta di musica esoterica e misteriosa, che di fatto segna l'esordio del Vangelis solista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA