Fabrizio Moro, il tour a Lecce il 22 agosto

Fabrizio Moro, il tour a Lecce il 22 agosto
Sarà a Lecce il 22 agosto alle 21.30 in Piazza Libertini, l'unica tappa salentina del tour estivo di Fabrizio Moro, vincitore insieme a Ermal Meta, dell'ultimo Festival di Sanremo con il brano “Non mi avete fatto niente”, con il quale ha ottenuto anche un quinto posto degno di nota all’Euorosong Contest: degno di nota perché la sfida presentata dalla melodia e dal testo è stata accettata e compresa dal vasto pubblico europeo della manifestazione. L'evento leccese rientra nel festival “Suoni nel Barocco”, organizzato da M&P Company srl. I biglietti, dal prezzo unico di 30 euro, sono in prevendita on line e nei punti vendita autorizzati dei circuiti ticketone.it e ciaotickets.com. Per qualsiasi informazione è disponibile il numero 0832/315200.

Fabrizio Moro ha inaugurato il suo tour con un grande concerto allo Stadio Olimpico di Roma il 16 giugno scorso, davanti a più di ventimila persone assiepate in Curva Sud. I suoi live prenderanno il via a partire dal 13 luglio a Cervia. Il trionfo di San Remo ha portato al brano “Non mi avete fatto niente” la certificazione Oro dopo due sole settimane dal lancio. Al singolo è seguita la pubblicazione della seconda raccolta del cantautore romano, “Parole, rumori e anni”. Divisa in due volumi, l'opera è la testimonianza di vent'anni di carriera e otto album in studio. Non mancano i successi che lo hanno reso famoso al grande pubblico, come il brano “Pensa”, dedicato alle vittime delle mafie e presentato all'edizione 57 del Festival di San Remo, e per il quale si è aggiudicato sia il primo posto per le Nuove proposte che il Premio della critica “Mia Martini”. Presente nella raccolta anche “Eppure mi hai cambiato la vita”, che gli è valso il terzo posto al festival l'anno successivo. Fabrizio ha deciso di includere anche i brani scritti per Elodie, “Un'altra vita” e per Emma Marrone, “Sono solo parole” incisi da lui per la prima volta per questa occasione esclusiva.

Il concerto dell’Olimpico. Roma è casa di Fabrizio e l’amore dei ventimila spettatori dell’Olimpico il 16 giugno lo ha confermato. La serata potrebbe diventare un disco live proprio grazie alla grande emozione che si è respirata per le due ore e mezza di concerto e la trentina di canzoni eseguite.  Sul palco si sono alternati tre graditissimi ospiti: Ultimo, Fiorella Mannoia e Ermal Meta, tre artisti con i quali Moro ha avuto in qualche modo a che fare nel corso degli ultimi anni. Insieme a Ultimo, Moro ha cantato "L'eternità", una dedica che i due hanno fatto alla loro San Basilio, il quartiere della periferia romana dove entrambi hanno trascorso l'infanzia e l'adolescenza, e "Melodia di giugno". Con Fiorella Mannoia duetta su "I pensieri di Zo" (scritta da lui e incisa da lei per il suo ultimo album) e "Acqua" (Moro l'aveva scritta qualche anni fa pensando proprio alla Mannoia, ma la demo si perse tra i tanti cd di provini ricevuti dalla cantante). Ermal Meta, invece, sale sul palco per "Non mi avete fatto niente", accolta dal boato della curva.

Non manca anche un momento di denuncia sociale, come il ricordo di Stefano Cucchi, a cui Moro aveva dedicato nel 2011 'Fermi con le mani': "La sua storia ha un epilogo incompiuto dove il confine tra quello che si sa e quello che si fa finta di non sapere, è molto sottile - dice introducendo il brano - Stefano è stato 'violentato' e lasciato solo a morire da uno Stato che spesso si dimentica dei suoi stessi figli".

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 18 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:56