Kurt Cobain e l'Albania anni '90 nel nuovo disco di Hasa

Kurt Cobain e l'Albania anni '90 nel nuovo disco di Hasa
di Eleonora MOSCARA
4 Minuti di Lettura
Giovedì 15 Settembre 2022, 05:30

«Tirana 1994/95, ascolto i Nirvana chiuso nella mia stanza a volume insostenibile per spingermi in profondità della mia anima e farla uscire fuori. Torno alle prove. Pioggia a Tirana, strade deserte, alberi bagnati, odore di legna ed erba mischiata alla vita. Pensieri e la voce di Kurt nelle orecchie. Attacco il jack: “Smells Like Teen Spirit»! Nasce da qui la grande ispirazione nella carriera musicale di Redi Hasa, violoncellista e compositore albanese alle prese con il suo ultimo album intitolato appunto “My Nirvana” che uscirà il prossimo 11 novembre per Ponderosa Music Records, grazie a un accordo di esclusiva internazionale firmato con l’etichetta Decca del gruppo Universal Music Operation. Quando a Tirana per la prima volta si ascoltava la musica dei Nirvana, l’Albania si trovava ad affrontare ai postumi della guerra civile che aveva per mezzo secolo proibito la distribuzione di tutta la musica occidentale. 

Il grunge proibito e la scoperta di Nevermind


Tuttavia, nell’ombra del regime, la “musica proibita” continuava a circolare di nascosto tra gli appassionati e i musicisti dei Paesi del blocco orientale, grazie al fenomeno che nei Balcani prese il nome di ‘samizdat’. Su questo particolare scenario storico si staglia la scoperta di un disco come “Nevermind” che nel Paese delle aquile arrivò con la forza di un potentissimo magnete a catturare anche l’attenzione del musicista e infatti, di giorno Redi Hasa studiava violoncello all’Accademia di Stato, di notte sperimentava le sonorità del basso elettrico, l’unico della città, che suo fratello maggiore gli aveva spedito dall’Italia. In “My Nirvana” Hasa racconta tutto questo attraverso la sua musica, reiventa le canzoni che hanno segnato un punto di svolta nella storia del rock mondiale e le trasforma attraverso il sound del violoncello in “polifonie monostrumentali”, in nuovi inni di dolcezza e struggimento. Da Love Buzz, primo singolo dei Nirvana, ai successi del secondo album “Nevermind” come: Smells Like Teen Spirit, In Bloom, Lithium, Come As You Are e Polly e del terzo “In Utero” del 1993 con Heart-Shaped Box e All Apologies, questo nuovissimo progetto ripercorre, da cima a fondo, la storia della band statunitense più rappresentativa dello scenario alternative rock degli anni ‘90 e affonda le radici nel percorso musicale dello stesso violoncellista.

Il video del singolo con l'omaggio a Kurt

Il primo singolo, appena uscito, è ispirato a “Smells Like Teen Spirit”, il brano iconico del 1991, la versione proposta da Redi Hasa è filtrata dalla sua sensibilità più classica che rock, ottenendo un ascolto completamente diverso dall’originale. Il violoncellista non ha prodotto semplicemente una “cover”, bensì è riuscito a reinterpretare il brano rimanendo fedele alle origini e accompagnando l’ascoltatore in un “viaggio” diverso, in cui esplora nuovi mondi ma sempre legati alla tradizione classica del violoncello. Il singolo è accompagnato da un videoclip realizzato dalla regista Ana Shametaj, immagini in cui si mischiano una visionaria storia dell’Albania degli anni ‘90 con l’immaginario delle canzoni della band. Un tributo a Kurt Cobain la cui immagine viene ricostruita pittoricamente attraverso immagini generate lavorando con un’intelligenza artificiale, in una sequenza di quadri animati da effetti digitali e analogici. Dopo “The Stolen Cello” del 2020 il ritorno discografico di Hasa con questo singolo che anticipa l’intero lavoro “My Nirvana”, intende restituire all’ascoltatore la passione per la musica di uno dei più celebri gruppi rock e raccontare nuovamente con il violoncello una vicenda musicale custodita tra le pieghe della storia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA