Cinzella, tre giorni tra rock ed elettro

Cinzella, tre giorni tra rock ed elettro
Torna il Cinzella Festival e lo fa in gran stile con ospiti d'eccezione e una ventata di freschezza sulle scene. Questa nuova edizione avrà luogo da oggi (ore 20) fino a martedì alle Cave di Fantiano di Grottaglie, un parco naturale dall'inestimabile valore paesaggistico, uno scenario mozzafiato. Il grande evento dedicato alla musica e al cinema ha registrato lo scorso anno un successo tale da diventare un autentico polo di attrazione artistica e culturale con line up musicali come Levante, Frankie HI-Nrg MC, The Zen Circus, Diodato, Sick Tamburo, Gomma, Leitmotiv e Go!zilla e con rassegne cinematografiche d'autore legate a musica e arte. Il festival si apre oggi con uno spostamento da Glasgow sull'asse New York Napoli Berlino per una combo fenomenale: i Battles in esclusiva italiana con la loro sperimentazione sospesa tra math rock, elettronica, rock sperimentale, progressive e parti vocali; I Hate My Village, gruppo afro oriented; Digitalism: musica elettronica sfocata al confine tra garage-rock ed electro. Domani soffia vento anglosassone con l'indie rock e le atmosfere post punk ed elettroniche dei White Lies (che hanno appena pubblicato il nuovo album Five). In esclusiva per il sud Italia ci sono i Marlene Kuntz (che festeggeranno sia i trent'anni di attività che il ventennale del loro terzo disco Ho Ucciso Paranoia) in doppio set acustico ed elettrico. Lunedì a sorpresa, gli Afterhours. Dopo poco più di un anno dalla memorabile data al Forum di Assago, la band capitanata da Manuel Agnelli ha scelto Grottaglie per l' ultimo ed esclusivo concerto del 2019, ultima opportunità per vedere su un palco la band milanese che ha scelto di prendersi un lungo periodo di lontananza dalle scene. Martedì, l' ultima giornata del Festival, è la più attesa con l' incredibile Franz Ferdinand, la band scozzese di Alex Kapranos che ha esordito nel 2004 con l'album Franz Ferdinand conquistando orecchie e cuore di fan in tutto il mondo. L'ultimo lavoro discografico, Always Ascending, è un successo del febbraio 2018. Il festival punta ormai all' internazionalità. Una ventata di cambiamento per la città e per l'intera provincia, nel pieno stile Cinzella. D'altronde il logo del festival è una pecora, memoria di un fatto di cronaca legato alla prima culla del festival, Taranto, divenuto simbolo dell'inquinamento dopo l' abbattimento, tra il 2008 e il 2010, di 600 ovini contaminati dalla diossina. Proprio lì, nel 2017, è nato il Cinzella Festival, in una splendida masseria persa in una valle di ulivi e diventata la speranza di una rinascita. Ma Cinzella è anche il Festival della trasgressione o , se si vuole, della libertà o, perché no, del mondo alla rovescia. Una curiosità: la donna da cui prende il nome l'evento è una figura assai nota alla cultura popolare tarantina, una celebre accompagnatrice di uomini e di adolescenti. Cinzella, una donna così speciale da rimanere impressa nella memoria collettiva, una donna a cui sarebbe stata anche intitolata una statua, spesso scambiata da residenti e turisti per un'icona religiosa. Ingresso a pagamento. Info. +39.392.3772895.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 17 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento: 18:03