Chloë Grace Moretz: «Lavorare sul set con Tom & Jerry è stato un bello sforzo di fantasia». Il film in esclusiva su piattaforme dal 18 marzo

Giovedì 11 Marzo 2021 di Alessandra De Tommasi
Chloë Grace Moretz: «Lavorare sul set con Tom & Jerry è stato un bello sforzo di fantasia». Il film in esclusiva su piattaforme dal 18 marzo

Ex teen idol grazie alle acrobazie della saga di Kick-Ass, Chloë Grace Moretz torna “in azione” con il film Tom & Jerry, in esclusiva digitale dal 18 marzo sulle maggiori piattaforme (tra cui Amazon Prime Video, Apple Tv+, TIMVISION, Chili, Rakuten TV e per il noleggio premium su Sky Primafila).

 

La 24enne statunitense, che per un soffio non è diventata la nuora di David e Victoria Beckham, ormai è cresciuta ma in quest’avventura che mescola animazione e live action mostra il lato più buffo. Nella storia i nemici-amici creati da Hanna e Barbera si ritrovano sotto lo stesso tetto (quello di un hotel di lusso nella Grande Mela), quando il roditore vi si installa abusivamente e il felino viene ingaggiato per stanarlo da Kayla, la nuova arrivata nello staff interpretata appunto dalla Moretz e incaricata di organizzare il matrimonio del secolo.

 

Lei si sente più simile a Tom o a Jerry?
«Decisamente Jerry e non solo perché il mio segno nell’oroscopo cinese è il topo, ma perché siamo entrambi un po’ nerd, decisamente buffi e alquanto ingegnosi. E a pensarci bene nel film io e Michael Pena (che dà il volto a Terrance) siamo la versione “in carne ed ossa” dei due protagonisti animati, quindi l’analogia calza a pennello».

 

Nel film c’è il cameo di un duo italiano affiatato, Paolo Bonolis e Luca Laurenti. Quanto conta poter fare affidamento sui colleghi?
«Lo considero cruciale e il film parla anche di questo, della bellezza di collaborare e guardarsi le spalle a vicenda. Ovviamente il tutto condito con una dose massiccia di divertimento in un viaggio d’evasione da intraprendere con familiari e amici». 

 

Leggi > Dumbo vietato ai minori: è razzista. Disney + "oscura" gli altri suoi cult, Gli Aristogatti, Peter Pan, Robinson nell'isola dei corsari

 

 

 

Chi è la sua Kayla?
«Questa ragazza è stranamente amabile, nonostante la sfilza di pessime decisioni prese nella sua vita. Mente spesso, ma senza cattive intenzioni, vuole solo la chance di poter far vedere chi è e di cosa sia capace, una professionista degna di ricoprire un ruolo di responsabilità, meritevole di stima e fiducia. Questo desiderio però la porta spesso ad essere incompresa». 

 

E chi sono Tom e Jerry?
«Due personaggi ossessionati l’uno dall’altro, in una sorta di amicizia poco convenzionale in cui di fatto cercano spesso di farsi fuori a vicenda».

 

Si è sentita intimidita nel dividere la scena con due icone come Tom e Jerry?
«Recitare al loro fianco mi ha regalato una libertà creativa che non ho mai sperimentato nella mia carriera. Il motivo? Abbiamo improvvisato e le mie reazioni hanno quasi rafforzato le loro, permettendo agli animatori di rendere tutto più naturale».

 

Ora guarda New York con occhi nuovi?
«Credevo di vivere in un universo alternativo: sembra New York ma se ci fai caso poi qui e lì lo sfondo cittadino è dipinto a mano, regalando alla città una forte componente onirica. È la fantasia innescata nella realtà… quindi per me la forma perfetta di evasione».
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA