Amber Heard, apparirà solo 10 minuti in Aquaman 2: la petizione contro l'attrice ha raggiunto 3 milioni di firme

I fan di Johnny Depp chiedono giustizia

Amber Heard Aquaman 2
Amber Heard Aquaman 2
di Elena Fausta Gadeschi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Maggio 2022, 23:14 - Ultimo aggiornamento: 23:20

I fan di Johnny Depp chiedono giustizia. Se nel 2018 la Disney decise di escludere l'attore dal cast del sesto capitolo dei 'Pirati dei Caraibi', adesso il pubblico chiede a gran voce che sia Amber Heard a essere tagliata fuori da 'Aquaman 2'.

Leggi anche > Johnny Depp, le accuse di violenza hanno messo fine alla sua carriera: parla l'ex agente dell'attore

Amber Heard, apparirà solo 10 minuti in Aquaman 2: una petizione per tagliarla fuori dalla produzione

Per il momento l'apparizione dell'attrice, che nel film della Warner Bros interpreta accanto a Jason Momoa la principessa Mera, sarà di appena 10 minuti e online c'è già chi rivendica il risultato come l'effetto della petizione lanciata nel 2020 e firmata da 3 milioni di utenti. «Fai la cosa giusta. Rimuovi Amber Heard da Aquaman 2» ha scritto due anni fa l'ideatrice dell'iniziativa Jeanne Larson su Change.org.

«Non penso che reagiremo mai, onestamente, alla pura pressione dei fan. Devi fare ciò che ritieni sia meglio per il film» aveva dichiarato nel 2021 a Deadline il produttore del film di supereroi, Peter Safran. «Non siamo inconsapevoli di ciò che sta accadendo nell'universo Twitter, ma ciò non significa che devi reagire ad esso o prenderlo come Vangelo o aderire ai loro desideri. Devi fare quello che ritieni giusto per il film, ed è proprio a questa conclusione che siamo arrivati» aveva aggiunto, senza sbilanciarsi sul ruolo dell'attrice.

L'uscita del sequel, originariamente prevista per il 16 dicembre 2022, sarà posticipata a marzo 2023 secondo il New York Post. In attesa, forse, che il processo tra Johnny Depp e Amber Heard porti a un verdetto definitivo della giuria e consenta al produttore del film di fare le dovute valutazioni, al netto del giudizio del pubblico che non vorrebbe più vederla sul grande schermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA