Alec Baldwin, il padre di Halyna lo scagiona: «Non è lui il responsabile, le colpe sono di altri»

Anatoly Androsovych ha incolpato della morte di sua figlia la squadra dell'armeria del film

Domenica 24 Ottobre 2021
Alec Baldwin, il padre di Halyna, «Non è lui il responsabile, le colpe sono di altri»

«Non ritengo responsabile Alec Baldwin: è responsabilità delle persone di scena che maneggiano le armi». Così Anatoly Androsovych, il padre di Halyna Hutchins, parla per la prima volta dello scioccante incidente avvenuto sul set del film Rust nel quale ha perso la vita sua figlia, direttrice della fotografia uccisa sul set da colpo di pistola sparato dall'attore americano.

 

Leggi anche > Com'è andata davvero. L'accusa choc: «L'attore ha violato la regola numero uno»

 

Il padre di Halyna Hutchins: Andros «perso senza sua madre»

Il padre di Halyna Hutchins non ritiene Alec Baldwin responsabile della morte di sua figlia, colpita da un proiettile partito da un'arma di scena che doveva essere caricata a salve, ma che si è rivelata mortale. Per l'uomo la responsabilità dell'incidente ricade piuttosto sulla squadra dell'armeria che ha consegnato la pistola nelle mani dell'attore. Il padre della 42enne sta lottando ora per ottenere i visti per sua moglie Olga e sua figlia Svetlana affinchè possano entrare negli Stati Uniti e sostenere il marito di Halyna, Matthew, e il figlio Andros, che a soli 9 anni è ora «perso senza sua madre». «Non possiamo ancora credere che Halyna sia morta», ha detto Anatoly al Sun «sua madre sta impazzendo per il dolore». 

 

Le dinamiche dell'incidente, avvenuto giovedì alle 13:50 in un ranch a Santa Fe, nel New Mexico, rimangono ancora da chiarire. Secondo le ipotesi più accreditate sembrerebbe che Alec Baldwin abbia sparato un singolo colpo da un revolver Colt che in qualche modo ha colpito sia Hutchins che il regista del film, il 48enne Joel Souza, ora fuori pericolo.

 

 

La sorella minore di Halyna, Svetlana Androsovych, si è scagliata contro la "negligenza" sul set del film, a suo dire responsabile della morte della sorella. «Come è stata possibile questa negligenza da una tale squadra di professionisti? Questa è solo una coincidenza assolutamente assurda. Non so dove porterà l'indagine, ma ci sono così tante ipotesi. Dio solo sa cosa è successo, è così incredibilmente difficile viverlo». «L'unica cosa che vogliamo in questo momento è essere lì con mia madre accanto al marito di Halyna e al loro figlio per assicurarci che senta il nostro sostegno», ha aggiunto.

 

 

Anche Matthew, il marito della giovane direttrice, un avvocato e laureato ad Harvard, parlando al DailyMail.com, ha espresso parole positive per l'attore americano: «Ho parlato con Alec Baldwin e mi è stato di grande sostegno». «Ovviamente c'è molto da affrontare ogni volta che c'è un lutto in famiglia. - ha aggiunto - Ci stiamo muovendo per affrontare tutte le cose che dobbiamo fare sul campo. Ci sono un sacco di telefonate e messaggi».

 

Dopo l'incidente Baldwin ha dichiarato in un tweet: «Non ci sono parole per trasmettere il mio shock e la mia tristezza per il tragico incidente che ha tolto la vita a Halyna Hutchins, una nostra moglie, madre e nostra collega profondamente ammirata». «Sto collaborando pienamente con le indagini della polizia per affrontare come si è verificata questa tragedia e sono in contatto con suo marito, offrendo il mio sostegno a lui e alla sua famiglia». «Il mio cuore è spezzato per suo marito, il loro figlio e tutti coloro che conoscevano e amavano Halyna».

Per Baldwin rischi legali come produttore

Alec Baldwin rischia conseguenze per l'uccisione accidentale della direttrice della fotografia Halina Hutchins, non nella veste dell' attore che ha sparato ma come uno dei produttori. Secondo alcuni esperti legali citati dai media americani, è improbabile che venga accusato di omicidio colposo in quanto non sapeva che la pistola era carica. L'unica possibilità che venga incriminato penalmente è se sarà accertato che ha maneggiato l'arma in modo pericoloso, cosa che finora non è emersa. Come uno dei produttori del film Rust, però, rischia, almeno dal punto di vista civile, una serie di azioni legali se verrà accertata una negligenza nella sicurezza. Anche se l'attore è il produttore principale, le indagini potrebbero rivelare che altri produttori hanno ridotto la soglia di sicurezza e quindi essere responsabili. A questo si aggiunge il fatto che bisognerà accertare chi ha autorizzato la sostituzione della troupe aderente al sindacato di settore che ha lasciato il set con altri operatori che non sembrano aver rispettato i protocolli di sicurezza. Qualsiasi sarà lo scenario, per Baldwin si tratterà di un incubo legale.

Ultimo aggiornamento: 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA