Ospiti internazionali e suoni antichi: esce “Meridiana”, il nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino

Venerdì 23 Aprile 2021

Come la meridiana segna il passaggio del sole a mezzogiorno, Meridiana è il racconto del rapporto con il tempo. Un racconto che si fa musica e diventa il nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino, a quattro anni di distanza dal precedente, intitolato semplicemente Canzoniere, che per la prima volta ha portato un gruppo italiano sul gradino più alto del podio dei prestigiosi Songlines Music Awards 2018 come miglior gruppo di World Music al mondo e ha fatto volare la band alla Royal Albert Hall di Londra per i Bbc Proms nel 2019, quando ancora il mondo - non solo quello della musica - non era piombato nell'incubo della pandemia.

 

Il nuovo album


Meridiana - che sarà disponibile a partire dal 21 maggio - racchiude invece il racconto di un'unione portata avanti in un anno difficile come il 2020, in cui il gruppo guidato da Mauro Durante si è impegnato in uno sforzo collettivo enorme. I suoi formidabili compagni di viaggio Giulio Bianco, Alessia Tondo, Emanuele Licci, Silvia Perrone, Giancarlo Paglialunga, Massimiliano Morabito e il fonico Francesco Aiello si uniscono a lui come singoli ingranaggi di un unico orologio creativo, ognuno con le sue caratteristiche.
Sono nate così le dodici tracce che compongono l'album, dodici come le ore segnate dalla Meridiana in cui passato e presente si sovrappongono, per un nuovo progetto musicale che ha l'ambizione di condensare le varie anime del Canzoniere Grecanico Salentino in un sound originale, moderno e inconfondibile.
«È il tempo del nostro Sud tra passato e presente, con la sua luce abbagliante e le ombre che ne derivano. Il tempo in cui tutto diventa astratto, persino l'empatia. Il tempo che ci culla nell'eterno ripetersi di giorno e notte, ma anche quello che ci rende schiavi della frenesia contemporanea. Il tempo della memoria e della resistenza. Dei sogni e dell'amore più puro. Il tempo dell'incertezza. Il tempo sospeso. Il tempo che dà il ritmo alla nostra musica, al nostro danzare in questo mondo».

 

Gli ospiti 

 

Un progetto musicale che vanta ospiti nazionali e internazionali di spessore come Justin Adams (da anni il braccio destro di Robert Plant), che presta la sua chitarra in Lu Sittaturu e Tic e Tac e co-produce il disco. La band newyorchese Red Baraat regala la sua anima multiculturale a Pizzica Bhangra; e il maestro Enzo Avitabile, fiore all'occhiello della musica italiana e napoletana nel mondo (due David di Donatello nel 2017), aggiunge la sua firma e talento in Tic e Tac. E poi ancora, Valerio Combass degli Apres La Classe suona il basso elettrico in Balla Nina e Tic e Tac; e il batterista salentino Antonio Dema De Marianis aggiunge le sue percussioni al groove di Tic e Tac.
Nel nuovo disco tornano brani della tradizione salentina (Lu Sittaturu, Quannu Camini Tie, Ntunucciu, Ninnarella), e il lavoro di orchestrazione contemporanea sulla pizzica (Orfeo, Ronda). Continua il confronto originale con la forma canzone (Balla Nina, Meridiana), e non si fermano l'impegno e la riflessione sociale (Stornello alla Memoria, Vulía).
Meridiana non è solo musica, ma un progetto più vasto sul tema del tempo. Video, immagini, testi, contributi offerti da personalità dal mondo della scienza e della cultura si uniscono in un portale on line componendo un originale mosaico multimediale e multidisciplinare. In concomitanza con l'uscita dell'album, Meridiana sarà dunque anche un sito: un libretto del cd in versione 2.0 per scoprire e approfondire ogni aspetto del disco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA