Beatrice Rana, compleanno in tv

Beatrice Rana, compleanno in tv
di Eraldo MARTUCCI
4 Minuti di Lettura
Sabato 21 Gennaio 2023, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 06:56

Da Parigi a New York, da Vienna a Milano, da Londra a Roma, ovunque vada è sempre sold out: ulteriore motivo di soddisfazione per Beatrice Rana, la straordinaria pianista salentina da tempo regina mondiale degli ottantotto tasti. Tutto questo a soli trent’anni, che compirà proprio domani. E proprio in occasione di questo compleanno Rai Cultura le dedica uno speciale omaggio.

Solista in concerto con l'Orchestra Sinfonica della Rai

Oggi su Rai 5, alle 7.43 e alle 19, verrà infatti trasmesso dall’Auditorium Arturo Toscanini di Torino il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, diretta dal maestro giapponese Eiji Oue, con pianista solista proprio Beatrice Rana impegnata nel Concerto n.3 per pianoforte e orchestra di Béla Bartók. Il programma è completato dalla “Tragische Ouverture” in re minore op.81 di Johannes Brahms. 

Lunedì a Milano per inaugurare la Stagione della Filarmonica Scala

I “festeggiamenti” per il genetliaco continueranno anche dopodomani, quando la star del pianoforte inaugurerà a Milano la nuova stagione della Filarmonica della Scala. Sul podio salirà un altro grandissimo talento, il giovane direttore israeliano Lahav Shani. In programma le 24 virtuosistiche variazioni della “Rapsodia su un tema di Paganini” per pianoforte e orchestra di Sergej Rachmaninov, e la Terza Sinfonia di Ludwig van Beethoven.

Beatrice Rana è sempre stata acclamata dal pubblico scaligero fin dalla sua prima apparizione nel 2015, quando suonò il Concerto n.1 di Beethoven con la Filarmonica diretta da Marc Albrecht. Nella sala del Piermarini è poi ritornata due anni dopo in occasione della prima esecuzione assoluta del Concerto per pianoforte e orchestra di Carlo Boccadoro. In quell’occasione sul podio salì Riccardo Chailly. E poi la tripletta del 2020, ad iniziare dal concerto del 17 febbraio, pochi giorni prima del lockdown. Diretta da Fabio Luisi, la pianista salentina interpretò il “Quarto” di Beethoven. Il 6 luglio fu invece protagonista del concerto di riapertura assieme al violoncellista Mischa Maisky e al baritono Simone Piazzola. Il 24 dicembre, infine, con i teatri nuovamente chiusi al pubblico, suonò nel Concerto di Natale trasmesso dalla Rai e interamente dedicato a Mozart. Con lei il soprano Aida Garifullina e il direttore Michele Mariotti. L’ultima sua entusiasmante performance scaligera risale al 3 luglio 2021 quando, diretta da Manfred Honeck, si è cimentata nel Concerto per pianoforte e orchestra n.1 di Brahms.

Presto il nuovo disco

È dunque un momento d’oro per Beatrice, che continua con la nuova spettacolare incisione per Warner Classics, la prestigiosa casa discografica con la quale registra in esclusiva. Il prossimo 3 febbraio uscirà infatti l’album dedicato ai Concerti per piano e orchestra di Robert Schumann e Clara Wieck-Schumann, che divenne moglie di Robert nel 1840. La musicista salentina è accompagnata dalla Chamber Orchestra of Europe diretta da Yannick Nézet-Séguin. Entrambi i brani furono eseguiti per la prima volta in concerto da Clara, una delle più grandi interpreti e compositrici dell’Ottocento.

«È stato solo quando ho iniziato a studiare il concerto di Clara che mi sono resa conto di quanto fosse visionaria questa donna fin dalla giovane età», sottolinea Beatrice. L’album contiene anche la trascrizione di Liszt per pianoforte solo del lied “Widmung” di Robert, un’esuberante dedica d’amore composta nell’anno in cui Robert e Clara si sposarono. La Rana sente che il suo testo, una poesia di Friedrich Ruckert, rappresenta l’essenza della loro relazione, «raccontando un amore così incredibile che fa emergere in ognuno di loro “ein bess’res Ich” – un sé migliore. “Widmung”, nella trascrizione di Liszt, è anche una mia dedica a questa grande coppia, fonte inesauribile di ispirazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA