Amici 21, Raimondo Todaro nella bufera: «Scrivo queste parole perchè mi ha frainteso pure mia madre»

Il tutto è legato ad un episodio avvenuto all’inizio della 21^ edizione quando, a contendersi il banco di ballo erano stati proprio Nunzio e Mattia.

Nella scuola di Amici piovono critiche su Todaro che si difende chiarendo tutto su Instagram
Nella scuola di Amici piovono critiche su Todaro che si difende chiarendo tutto su Instagram
3 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Maggio 2022, 08:35

Bufera su Raimondo Todaro. Non è piaciuto a molti il discorso del coach di Amici di Maria De Filippi sui danzatori Mattia Zenzola e Nunzio Stancampiano. Nel corso della settima puntata del serale, le parole di Todaro sono state viste con vena polemica, tanto che lui stesso ha voluto chiarire la situazione tramite una story Instagram pubblicata dopo la puntata.  «Scrivo queste parole perchè mi ha frainteso pure mia madre» scrive Todaro sul suo profilo.

Ciak, si gira: ritorna Lolita Lobosco

Il tutto è legato ad un episodio avvenuto all’inizio della 21^ edizione quando, a contendersi il banco di ballo erano stati proprio Nunzio e Mattia. All’epoca, a giudicare le esibizioni, non era stato Todaro, insegnante del loro stile latino americano, ma una persona che avrebbe garantito maggiore imparzialità. L’ex volto di Ballando con le Stelle aveva infatti seguito Nunzio durante il suo cammino artistico e sarebbe quindi stato difficoltoso per lui esprimersi in maniera equa.

Alla fine, la sfida fu vinta da Mattia, che però poi fu vittima di un infortunio che lo ha costretto a lasciare il programma. Della situazione ne beneficiò Nunzio che rientrò nella competizione, conquistando una maglia per il Serale. Ieri, però, Stancampiano è stato eliminato. E dunque, nel tessere le lodi a Nunzio, Todaro è stato frainteso dai telespettatori che hanno ritenuto fuori luogo le sue esternazioni perchè poco carine nei confronti di Mattia. Così Todaro ha chiarito con una stories Instagram il suo pensiero sulla questione: «Mi sono battuto perché Matti avesse un banco a settembre. Lui sa quanto io sia felice per questo. Il rimpianto che Nunzio non abbia potuto giocarsela alla pari contro gli altri allievi perché non ha fatto tutto il percorso non ha niente a che vedere con Matti. La mia idea è che se la sarebbe giocata fino alla finale. Sono sicuro che i ragazzi mi abbiano capito perché sanno bene cosa penso di loro. E ne ho avuto dimostrazione dalle loro stories». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA