Ambiente, arte e ricerca: molte attività nel sociale Si punta a legare il marchio Bpp con azioni in favore del territorio

A CURA DI PIEMME S.p.a
Ambiente, arte e ricerca: molte attività nel sociale Si punta a legare il marchio Bpp con azioni in favore del territorio
Due polittici restaurati per il museo Castromediano 

Da segnalare anche il sostegno ai bimbi ricoverati negli ospedali

 
Una volta si chiamava “filantropia”, ed era appannaggio dei “Signori” che cercavano gloria, promuovendo, a loro spese, le arti, la letteratura, qualche collegio di orfani. Ora queste operazioni hanno assunto una rilevanza sociale ben diversa, forse perché senza l’intervento dei privati, spesso sostitutivo, non solo integrativo, dell’intervento pubblico, molte delle attività culturali, del patrimonio artistico e ambientale, del nostro Paese, sarebbero in abbandono, molto più deteriorati di quanto non lo siano oggi. E molte iniziative a favore di un welfare più diffuso, anche tra le classi più deboli, non potrebbero concretizzarsi.

Agire nel “sociale” è oggi tra le caratteristiche di un’azienda che opera non solo “tra”, ma “con” la comunità, sentendosene parte integrante e non solo fornitore di servizi. Perseguendo questa filosofia la Banca Popolare Pugliese ha notevolmente accentuato, negli ultimi anni, la sua azione nel sociale, attraverso iniziative che hanno abbracciato settori diversi, ma tutti importanti, della vita dei territori in cui l’Istituto è inserito. E non solo perché questo crea “reputazione”, valore che non si misura in cifre di bilancio, ma che è ugualmente importante alla fine di ogni anno. Legare il proprio marchio ad azioni che aiutano la crescita del territorio, diventa fondamentale per alimentare le radici che affondano nell’humus del territorio stesso. La recente campagna di sensibilizzazione sociale verso la difesa e la salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio, lanciata da BPP proprio in questi giorni, va, per esempio, in questa direzione. Essa viene da lontano, dall’attenzione della gente contadina di Puglia verso la propria terra – fonte di sostentamento – per coniugarsi con le istanze moderne legate alla necessità che questa risorsa, una delle poche rimasta, venga difesa da tutti, ognuno con la propria sensibilità, da ogni attentato che rischia di distruggerla.

Ma anche l’arte, il patrimonio che identifica la storia delle nostre contrade, entra tra le iniziative di sostegno che BPP ha messo in atto in questi anni. Il restauro di alcuni antichi dipinti della Chiesa di S. Francesco a Lecce ha preceduto l’operazione che il muovo Museo Provinciale “Castromediano” sta portando avanti in questi mesi proprio con il contributo della Banca Popolare Pugliese, per restaurare due polittici di scuola veneziana a cui tra qualche mese sarà assegnata una importante sezione museale a testimonianza dell’intensità del legame culturale tra Venezia e Lecce sulle rotte verso l’Oriente ai tempi della Repubblica Serenissima. 

E poi ci sono gli interventi che la Banca, attraverso il braccio operativo della sua Fondazione “Giorgio Primiceri” onlus, mette in campo per sostenere ricerche e studi universitari. Senza dimenticare il concreto sostegno alle recenti iniziative dell’Associazione Tria Corda per aiutare i bambini ricoverati in ospedale a poter seguire, dal reparto ospedaliero, le lezioni scolastiche in modo da sentirsi meno esclusi dalle conseguenze di malattie spesso gravi e con lunghe degenze.

Insomma l’arte, la cultura, le tradizioni, ma anche l’innovazione tecnologica, che racconta la voglia di progredire di una comunità, il welfare per i più deboli, fanno tutte parte delle iniziative (che sarebbe lungo nominare tutte) attraverso le quali la Banca Popolare Pugliese, non solo “restituisce” parte delle risorse che come impresa persegue come obiettivo del proprio lavoro sul territorio, ma cerca di aiutare tutta la comunità a crescere, nella convinzione che l’avanzata economica complessiva del tessuto sociale vada perseguita , aiutata e sostenuta anche attraverso questo tipo di attenzione.

Certo, ci sarebbero tante altre occasioni di intervento in campo sociale. Ma le selezioni obbligate che la Banca Popolare Pugliese ha operato finora nella sua azione sociale, possono costituire il lievito affinchè il mondo imprenditoriale che opera sul territorio possa crescere anche in questa direzione, mettendo insieme un nucleo di uomini e di aziende in grado di aiutare concretamente la comunità a non perdere il senso e i legami con la propria storia e ritrovi la fiducia per costruire il futuro.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 15 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento: 27-05-2019 12:57