Stefano D'Orazio, l'addio commovente di Dodi Battaglia: «Tu mi hai insegnato a sbagliare»

Martedì 10 Novembre 2020

Un addio lungo e commovente. La morte di Stefano D'Orazio, uno dei leader dei "Pooh", ha ferito molti appasionati di musica, quella che una delle band più importanti della storia italiana ha suonato nel corso degli anni. Dopo i funerali di ieri a Piazza del Popolo, arrivano altri messaggi commoventi per D'Orazio. L'ultimo è del suo amico Dodi Battaglia, chitarrista dei Pooh: «Con un amico non servono regole e neanche bugie, non c'è bisogno di chiedere scusa se mai qualche cosa non va, un vero amico ti resta vicino nel bene e nel male e non gli serve parlare per dirti che pensa di te. Se c'è un amico c'è sempre speranza di un'altra occasione, un treno perso è soltanto una buona ragione per prenderne un altro. Se ti succede che soffri in silenzio ti sta ad ascoltare e sa restare, aspettando il sereno, a bagnarsi con te».

VIDEO Canti e applausi dei fan per l'ultimo saluto a Stefano D'Orazio

Dodi Battaglia ha affidato a Facebook il suo messaggio: «Le feste passano, gli amici no, comunque vada, sai che non ti scorderò, possiamo crederci, amico mio, proviamo a farcela una volta in più. Un vero amico è una vera fortuna se è come sei tu, che non ti preoccupi mai di sembrarmi diverso da quello che sei. Tu m'hai insegnato a sbagliare e sbagliando ho imparato a campare desiderando ogni giorno più forte la mia libertà. Le feste passano, gli amici no, comunque vada, sai che non ti scorderò possiamo crederci, amico mio, proviamo a farcela... Le feste passano, gli amici no. E se il destino poi, cambiasse idea restiamo amici noi, comunque sia. Uno dei modi più belli per ricordarti è attraverso le tue parole. Ciao amico mio... Dodi»

 

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA