Negli atenei è boom di prof a contratto, mentre ricercatori e docenti a tempo pieno sono al palo

Negli atenei è boom di prof a contratto, mentre ricercatori e docenti a tempo pieno sono al palo
(Teleborsa) - In Italia il precariato, specie nel mondo della scuola, rimane una ferita ancora aperta.


Invece di provvedere a stabilizzare decine di migliaia di ricercatori e docenti, da anni impegnati quotidianamente a condurre la didattica e la ricerca nelle nostre università, da Viale Trastevere è arrivata l'idea di salvare i corsi di laurea a rischio allargando il numero di professori a contratto. Secondo il giovane sindacato della scuola Anief, così si istituzionalizzano sempre più rapporti annuali a contratto, spesso in cambio di un mero rimborso spese, ad insegnanti esperti e cultori delle varie materie. Superando, nemmeno di poco, l'originario limite legislativo del 5%. 

Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, spiega che il “continuo ricorso alla contrattazione privatistica per assicurare la costante erogazione dell'attività didattica, sta mettendo a serio rischio l'intera sopravvivenza del servizio nazionale universitario. Il tutto, calpestando la Carta europea dei ricercatori. Non è un caso se vi sono sempre meno iscritti, troppi studenti fuori corso e un numero altissimo di cultori, assegnisti, dottori di ricerca, ricercatori, verso l'estinzione, e quasi-docenti in perenne attesa di fare il “salto” negli organici accademici. Ma contro tutto ciò abbiamo deciso di dire basta: se necessario ricorreremo fino alla Curia europea”.
Lunedì 30 Marzo 2015 - Ultimo aggiornamento: 28-01-2016 15:14