Bocciati al test di medicina, le alternative per studiare da medico

Martedì 5 Settembre 2017

Solo uno su sette ce la fa, tra i 67mila candidati che si contendono i 10.008 posti messi a disposizione dal ministero (9100 per Medicina, 908 per Odontoiatria). E gli altri? Gli irriducibili? I sognatori? I bocciati, che non mollano mai?

L'alternativa è iscriversi a Scienze biologiche, oppure a Biotecnologie: «Dove si studiano le stesse materie oggetto del test, un'occasione per prepararsi meglio. Una volta superata la prova a Medicina, è inoltre possibile chiedere la convalida (almeno parziale) degli esami sostenuti, come biologia o chimica, e l'esenzione dalla frequenza alle lezioni», doce Vincenzo Nigro, medico genetista e delegato del Rettore alla didattica all'Università Vanvitelli.

Anche Chimica «può rappresentare opzioni meno attinenti ma valide. In ogni caso, se dovesse andare male anche il secondo tentativo di ammissione a Medicina, i ragazzi non avrebbero perso un anno e potrebbero proseguire nell'altro percorso formativo». Diversi Atenei, tra cui Vanvitelli, prevedono, tuttavia, una selezione locale per accedere anche a Scienze biologiche, Biotecnologie e Chimica. Con iscrizioni già chiuse. «Per i "ritardatari" non resta che verificare on line le disponibilità di ogni università», aggiunge Nigro. «Ad esempio, in Molise c'è ancora spazio per Scienze biologiche». Mai mollare.

 

Ultimo aggiornamento: 6 Settembre, 09:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA