Scuola, verso aperture scaglionate, le Regioni: troppa incertezza

Scuola, verso aperture scaglionate, le Regioni: troppa incertezza
di Mario Ajello e Lorena Loiacono
5 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Agosto 2020, 00:55 - Ultimo aggiornamento: 16:17

Le Regioni sono sul piede di guerra. «Il governo non ci coinvolge nelle scelte sulla riapertura della scuola e poi scarica su di noi la gestione pratica della questione, senza dare chiarezza sulle norme anti Covid e lasciare vera autonomia». Non solo i governatori del Nord ma anche quelli del Sud sono di questo umore.


Scuola, Cts: in aula con mascherine obbligatorie dai 6 anni. Arcuri: «Pronti a distribuirne 11 milioni al giorno»
Scuola, distanze e aule per l’isolamento: ecco tutte le regole per rientrare

La riapertura


Nei palazzi delle Regioni non è tanto la data del 14 settembre come riavvio delle scuole a venire contestata, ma ognuno aprirà secondo le proprie esigenze, quanto le modalità della cosa, ovvero l’impreparazione con cui ci si avvia a questa data feticcio. E se i banchi monoposto, come è probabile, non arriveranno prima di metà ottobre, come si fa con il distanziamento sociale, e chi paga - la Regione o il governo - il conto politico e sanitario per eventuali infezioni e probabili pasticci su tamponi e altri particolari di enorme rilevanza? Ma soprattutto, si ricorderà, i governatori di ogni colore politico e di qualsiasi latitudine chiedevano di votare subito dopo la fine dell’emergenza più estrema, a luglio, non solo per convenienza personale (esempio: Zaia subito voleva incassare nelle urne il successo delle sue strategie anti-Covid) ma anche per il timore che diventasse ancora più complicato il riavvio delle attività scolastiche che va a sbattere contro l’election day di amministrative più referendum sul taglio del numero di parlamentari.
 


Ed è questo che sta accadendo. Si riapre il 14, si richiude il 18 per sanificare e allestire le cabine del voto negli edifici scolastici, si riapre non prima del martedì 22 anzi dopo visto che le misure anti-Covid renderanno anche lo spoglio elettorale più lento del solito.

Per non parlare delle città anche importanti (Venezia, Reggio Calabria, Trento, Bolzano, Arezzo) e dei quasi mille paesi in cui si svolgono le Comunali e con i ballottaggi dopo due settimane dal 20 e 21 settembre le chiusure verranno di nuovo chiuse per il secondo turno. Ecco, dal campano De Luca ai governatori del Nord - questi ultimi in nome dell’autonomismo Spacca-Italia sulla scuola vorrebbero fare tutto di testa propria - il refrain è un po’ questo: «Il governo sulla riapertura delle scuole la fa troppo facile». 

La Campania avrebbe voluto riaprire le scuole dopo l’election day. Ma si adegua alla data del 14. Dal Veneto alla Lombardia, dal Piemonte al Lazio, idem. Mentre la Puglia ha scelto: il 24 si apre, così si scavallano le elezioni. Ed è anche un modo forse per evitare che l’eventuale caos scolastico a ridosso delle urne incida sulle scelte elettorali e possa pagarne il costo il governatore uscente e ricandidato Emiliano. La Sardegna, che da area quasi Covid free è diventata focolaio d’Italia, dice di voler riavviare l’insegnamento il 22. E a Bolzano si comincia il 7, in Friuli il 16 (per chiudere due giorni dopo causa voto). Si procede insomma in ordine sparso. La Campania vuol far fare i tamponi a tutti gli studenti, e ha già comprato i kit, altrove ci si comporta diversamente ma bisogna vedere come. E ovviamente su tutto pende la spada di Damocle della possibile escalation pandemica che porterebbe alla nuova serrata, parziale o totale, degli istituti di ogni ordine e grado. 

LO SCONTRO
Anche i sindacati sono sul piede di guerra. Lanciano l’allarme: «E’ tutto in ritardo». Maddalena Gissi, segretario nazionale della Cisl Scuola, è su questa linea: «Abbiamo chiesto al ministero dell’Istruzione di poter conoscere i dati arrivati dai vari monitoraggi e vogliamo avere piena conoscenza delle condizioni in cui versano gli edifici scolastici». In questa incertezza, molti presidi vogliono - e possono secondo le norme - muoversi in autonomia, per posticipare le aperture ed essere più pronti al d-day. Compenseranno questo ritardo consentendo meno vacanze invernali, tra Natale e Carnevale (e anche i ponti saranno abbreviati).

Intanto oggi, e fino al 5 settembre, parte in Toscana il test sierologico sul personale docente. In Lombardia la stessa iniziativa dal 24 agosto. E saranno effettuati tra i 200 e 300 test al giorno su base volontaria. E potrebbe non presentarsi nessuno. E anche questo - quanto personale scolastico accetterà la prova e parliamo di lavoratori di età media sui 50 - potrà diventare un motivo di polemiche e di scontro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA