Vegani, il nuovo studio: «Rischiano fratture alle ossa più di chi mangia carne»

Lunedì 23 Novembre 2020
Vegani, il nuovo studio: «Rischiano fratture alle ossa più di chi mangia carne»

Coloro che seguono una dieta vegana rischiano fratture alle ossa in una misura superiore del 43% rispetto a chi consuma carne. Questo è quanto sostiene uno studio recentemente pubblicato sul giornale BMC Medicine. Secondo quanto riporta l'Independent, la ricerca è stata condotta su 50mila partecipanti nel Regno Unito e tra i campioni c'erano anche i vegetariani e le persone che mangiano solo pesce. Anche queste ultime categorie corrono un rischio più alto di rompersi le ossa.

 

Leggi anche > Coronavirus, Ricciardi: «Rallenta aumento, misure funzionano»

 

Il rischio di fratture all'anca si riduce in chi assume una dieta a base di calcio e proteine. «Questo è il primo studio completo sui rischi di frattura a seconda delle abitudini alimentari», ha affermato l'autore principale della ricerca, il dottor Tammy Tong, epidemiologo nutrizionale presso il Nuffield Department of Population Health, University di Oxford.

 

Dalla ricerca è emerso che i vegani hanno un rischio più elevato di fratture a fronte dei quasi 20 casi in più su mille persone in un periodo di dieci anni. Lo studio ha scoperto che le differenze maggiori riguardano le fratture dell'anca:  nei vegani il rischio è raddoppiato rispetto a quello che corrono le persone che mangiano carne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA