Covid19: «Efficace la terapia contro il tumore alla prostata, ecco perché». La scoperta a Padova

Mercoledì 15 Aprile 2020 di redazione online
il prof. Andrea Alimonti

Nuove speranze contro il Covid-19 dai ricercatori di Padova: la Fondazione per la Ricerca biomedica avanzata (Vimm, Istituto Veneto medicina molecolare), in stretta collaborazione con l’Università di Padova, ha trovato un nuovo approccio farmacologico per fermare il Coronavirus.

Covid-19, scienziato israeliano: «Ogni ciclo epidemico dura 70 giorni, poi il virus scompare»

 Il gruppo di ricerca  guidato dal prof. Andrea Alimonti,  ordinario di farmacologia (Dipartimento di Medicina), ha sviluppato un’ipotesi promettente  nata con la collaborazione dei docenti Francesco Pagano, Monica Montopoli e Sara Richter, virologa e microbiologa del Dipartimento di Medicina Molecolare.

Coronavirus, Ilaria Capua (virologa): «Nonni e nipoti non potranno più stare insieme come prima»

Il prof. Alimonti spiega: «Una delle proteine utilizzate dal coronavirus per infettare le cellule è l’enzima TMPRSS2, che è studiato come marcatore tipico del tumore alla prostata. E gli inibitori specifici sono utilizzati nella terapia oncologica. Alla luce delle evidenze che questa terapia è in grado di fermare lo sviluppo del tumore alla prostata, potrebbe rivelarsi efficace anche contro l’infezione da Sars-CoC-2».

L’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM) sta verificando, in una stretta collaborazione tra la Regione Veneto e l’Università di Padova, la percentuale di malati di tumore alla prostata tra i malati Covid-19. I risultati si stanno dimostrando molto interessanti e a breve verranno pubblicati.
 

Ultimo aggiornamento: 11 Maggio, 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA