Filippo Turetta, dal nastro adesivo ai soldi in contanti per la fuga: le prove del piano premeditato e tutti i punti oscuri

Sabato 25 Novembre 2023, 11:26 - Ultimo aggiornamento: 18:20 | 1 Minuto di Lettura
Filippo Turetta, dal nastro adesivo ai soldi in contanti per la fuga: le prove del piano (e della premeditazione)

Filippo Turetta aveva pianificato il femminicidio di Giulia Cecchettin? È questa la domanda che gli inquirenti si pongono da giorni, alla ricerca di elementi utili per stabilire se il 22enne abbia ucciso l'ex fidanzata dopo uno scatto d'ira o al culmine di un lucido piano.

Elena Cecchettin, l'avvocato: «Turetta ha ucciso Giulia per punirla, ha lucidamente eliminato la sua ex»

Gli elementi che fanno propendere verso questa seconda ipotesi non mancano. E, come è evidente, non si tratta di un dettaglio: con l'aggravante della premeditazione, le probabilità di una condanna all'ergastolo per Turetta aumenterebbero di molto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA