Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuova fogna e strade: partono tre cantieri. Grandi opere nel 2023: ecco quali

di Samantha DELL’EDERA
Domenica 18 Settembre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 19 Settembre, 13:27 | 3 Minuti di Lettura
Nuova fogna e strade: partono tre cantieri. Grandi opere nel 2023: ecco quali

Il 2023 sarà l’anno dei cantieri del Pnrr. Una sfida importante per il Comune di Bari che ha candidato e ottenuto finanziamenti per milioni di euro. Progetti che modificheranno radicalmente la città, dal servizio di trasporto pubblico “Brt”, il bus rapid transit (quattro linee dirette che collegheranno le periferie al centro con bus elettrici) agli otto asili nido fino ai restyling di tre lungomare (Bari Vecchia, Santo Spirito e il Faro), al nodo verde della stazione (100 milioni di euro) e il parco Costa Sud (75 milioni di euro). È l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, a spiegare cosa accadrà nei prossimi tre mesi e poi per tutto il 2023.
Nelle prossime settimane sono attesi tre cantieri nuovi: i due per la realizzazione della fogna bianca a Carbonara e al San Paolo e l’avvio del progetto “Strada per Strada” finanziato con 5 milioni di euro dalla Regione Puglia. In elenco c’è il rifacimento di 24 strade distribuite nei cinque municipi, con arterie importanti come via Capruzzi, via Gentile, via Crispi, viale Orazio Flacco, via Camillo Rosalba, corso Alcide De Gasperi, via Capitaneo. Non è detto però che si riuscirà a rifare tutte e 24 le strade. 


Ma come detto la sfida più grande sarà quella del 2023 con l’avvio di tutti i cantieri, non solo quelli finanziati con fondi Pnrr: il tanto atteso Piano periferie del San Paolo, da sette milioni e mezzo di euro, il piano periferie del rione Libertà, i nuovi lungomare di Santo Spirito, Bari Vecchia, San Cataldo, i cui progetti esecutivi sono quasi pronti. Ed ancora gli otto asili nido finanziati in totale con 16 milioni di euro.

 Da "Costa Sud" a Santo Spirito: cambia la litoranea

Il 2023 sarà l’anno dei cantieri “sul mare”. A cominciare dal parco Costa Sud, finanziato con fondi Pnrr con 75 milioni di euro. Si dividerà in sei lotti: 1, 2 e 3, relativi al parco litoraneo di “Pane e Pomodoro”, “Torre Quetta” e “Torre Carnosa”, che prevederanno principalmente la riqualificazione naturalistica della fascia litoranea, con interventi di piantumazione, nuova rete di percorsi misti ciclopedonali e parziale ridisegno del tracciato della strada litoranea; il lotto 4 “Parco Valenzano” prevederà un settore di rinaturalizzazione dell’alveo della Lama Valenzano ed un settore di realizzazione del parco agricolo reticolare; il lotto 5 la realizzazione di un parco agricolo reticolare, con creazione di una rete di spazi aperti ad uso pubblico all’interno di zone destinate ad orticoltura; il lotto 6 “Parco Bellavista” la riqualificazione dell’area attualmente occupata dal centro sportivo Bellavista e l’estensione delle attrezzature sportive. Cinque milioni di euro invece per riqualificare il lungomare di Santo Spirito con il complessivo rifacimento della pavimentazione e dell’illuminazione e la sistemazione di nuovo arredo urbano. Ed ancora tre milioni di euro per il nuovo lungomare all’altezza del Faro con la realizzazione di un grande parco con area giochi per i bambini, playground per lo sport all’aperto e una scalinata che collegherà il faro al mare. L’attuale giardino sarà ampliato sui lati adiacenti ad ovest e ad est. E 16 milioni di euro invece per il waterfront di Bari Vecchia con la realizzazione di pedane in legno, l’ampliamento dei marciapiedi, la sistemazione di una pista ciclabile, il restyling dei moli Sant’Antonio e San Nicola. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA