Robot e intelligenza artificiale durante la pandemia: il loro utilizzo e le nuove frontiere scientifico-giuridiche

Sabato 27 Febbraio 2021 di Emilio Orlando
Telemedicina ai tempi del Covid

«Non solo diagnostica a distanza ma anche trattamento e cura delle malattie attraverso l'intelligenza artificiale». In una società sempre più orientata verso nuove prospettive tecnologiche, anche nell'ottica del contenimento dei contagi del Covid-19 è necessario e sfruttare al massimo ed al meglio le nuove tecniche della telemedicina facendo si che gli interventi chirurgici avvengano in sicurezza e garantiscano il successo delle cure.

 

Per questo l'osservatorio dell' associazione "Mida Academy", presieduta dalla Professoressa e Avvocatessa Antonella Minieri,  farà il punto sullo stadio evolutivo legato agli utilizzi dell'intelligenza artificiale con i medici, gli avvocati e gli addetti ai lavori durante una tavola rotonda che, martedì 2 marzo 2021 dalle ore 15, si terrà sulla piattaforma ZOOM Professional. Dall'inizio della pandemia, l'utilizzo della robotica e delle strumentazioni cibernetiche è incrementato del 40% su pazienti affetti dalle più diverse patologia, da quelle ossee a quelle degli altri apparati corporei. Al centro nord l'utilizzo della telemedicina è molto diffuso, ma anche le strutture sanitarie del sud Italia stanno facendo passi da gigante.

 

L'incontro con il patrocinio del Policlinico Umberto I di Roma, il secondo di una serie di meeting organizzati dalla "Mida Academy" a cui ha partecipato oltre che la senatrice Valeria Fedeli, anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ha come obiettivo quello di stilare un primo bilancio sull'utilizzo di nuove tecnologie e forme di intelligenza artificiale nella medicina e nella chirurgia non tralasciando quelle che sono le ricadute giuridiche di tale modalità operativa. Efficacia delle terapie e delle cure abbinata però a principi legali ed istituzionali che gli algoritmi matematici devono rispettare. Nuove frontiere della medicina le cui parole d'ordine dovranno essere trasparenza, responsabilità sicurezza e tutela della privacy.

Ultimo aggiornamento: 15:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA