Covid, il virus non è mutato in Lombardia. L'esperto parla di effetto "mietitura": ecco di cosa si tratta

Lunedì 25 Maggio 2020
Il coronavirus non si è indebolito, ma qalcosa sembra cambiare. Nella giornata di ieri in Lombardia, la regione d'Italia più colpita, si sono verificati zero contagi. Vittorio Demicheli, epidemiologo alla guida della task force della Regione e direttore sanitario dell’Ats di Milano, al Corriere della Sera ha spiegato il motivo di questo dato, aggiungendo che non c'è nulla di sorprendente.

Leggi anche > Fase 2, cosa fare se il contagio riparte? Il virologo Palù: «Non potremo richiudere tutto, sarebbe la morte dell'economia»

Il virus avrebbe fatto la sua mietitura: «Credo che stiamo vivendo un fenomeno che gli inglesi chiamano harvesting. Il virus ha fatto la cosiddetta “mietitura”, ha accelerato quindi il percorso clinico di persone fragili, in molti casi con altre patologie. Può essere che ora abbia consumato il bacino dove poteva fare più danni e si presenti con letalità contenuta». In pratica, secondo l'esperto, il virus non è mutato né si è indebolito, semplicemente ha già colpito letalmente le fasce più deboli e ora i contagiati sono più forti e meno gravi quindi è diminuito, almeno per ora, il tasso di mortalità.

Continuano gli screening di massa sugli operatori sanitari. Non si può però escludere un nuovo aumento dei contagi, visto che di fatto la gente è tornata alla vita di prima. Se tutti rispettano le regole però il peggio potrebbe essere evitato: «Se il trend dovesse continuare ad essere questo in un paio di settimane potremmo arrivare a numeri minimi». © RIPRODUZIONE RISERVATA