Coronavirus, gli oncologi: «Screening e cure rimandate per il covid, si rischia epidemia di tumori»

Domenica 31 Maggio 2020

Tra gli effetti collaterali del Coronavirus c'è l'aver trascurato altre patologie. Secondo gli esperti, potrebbe registrarsi in queste settimane un'epidemia di tumori, a causa dei ritardi o delle sospensioni degli screening che hanno portato i pazienti oncologici, o sospetti tali, ad essere messi da parte in un periodo di emergenza sanitaria. 

Leggi anche > Coronavirus, Le Foche: «Potrebbe esserci una seconda ondata a dicembre, ma sarà meno aggressiva»

Giuseppe Curigliano, direttore della Divisione nuovi farmaci allo Ieo, l’Istituto europeo di Oncologia a Milano e professore di Oncologia medica all’Università, intervistato dal Corriere della Sera spiega: « Probabilmente, nei prossimi mesi, quando riprenderanno, ci troveremo di fronte a un numero più grande di casi avanzati, meno curabili e meno guaribili». Purtroppo i laboratori chiusi hanno causato ritardi nei controlli e nei test di prevenzione che potrebbero ora avere conseguenze gravi per i pazienti.

In merito al covid poi aggiunge: «Il fatto di avere un tumore rappresenta un fattore di rischio che rende più grave l’infezione da coronavirus». Per questo suggerisce un potenziamento della medicina sul terriotorio, in modo che chi sta male possa fare riferimento a strutture più piccole degli ospedali che in situazioni di emergenza come il covid possono ritrovarsi in sovraccarico. 

Ultimo aggiornamento: 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA