Vaccino, a che punto siamo davvero? Tre aziende romane in corsa, al via i test sull'uomo

Lunedì 4 Maggio 2020 di Mauro Evangelisti
Vaccino, a che punto siamo davvero? Tre aziende romane in corsa, al via i test sull'uomo

Coronavirus, da Roma tre proposte per il vaccino più atteso dal pianeta. Tre aziende del polo farmaceutico di Pomezia e Castel Romano, alle porte della Capitale, sono in corsa, la sperimentazione è già cominciata. Gli annunci si inseguono ogni giorno e confondono le idee, ma allo stato attuale la situazione è questa: Irbm, con sede a Pomezia, sta collaborando con lo Jenner Institute dell’Università di Oxford, dove la sperimentazione sull’uomo, su un gruppo di volontari, è già partita. Il ministro britannico per lo Sviluppo economico, Anne-Marie Trevelyan, ha spiegato, illustrando alcuni progetti per trovare il vaccino: «Oxford è impegnata con l’italiana Advent-Irbm nella sperimentazione di un vaccino su 500 volontari nel Regno Unito».
 


Sport, allenamenti individuali, terreni di gioco, palestre: le linee guida del governo per la ripresa Il documento
 
Piero Di Lorenzo, ad di Irbm: «Se il vaccino si dimostrerà efficace, previo il via libera dalle autorità di controllo internazionali, entro fine settembre si dovrebbe entrare in produzione; un solo produttore non può essere in grado di affrontare la scala globale. Per questo è stato siglato l’accordo con la multinazionale AstraZeneca». Più nel dettaglio: dopo i risultati positivi già ottenuti in laboratorio e sulle scimmie, in 5 centri in Inghilterra da 23 aprile è corso la sperimentazione su 550 volontari sani e su altri 500 cui verrà somministrata una soluzione placebo. A gennaio, dovessero arrivare buone notizie, secondo Di Lorenzo saranno pronte le prime dosi.


Le sedi delle tre aziende romane

Federica Pellegrini torna in vasca dopo il lockdown: «Pensavo peggio...»

Cambio di scenario, Ospedale Spallanzani. Qui la sperimentazione sull’uomo comincerà a giugno (inizialmente si era parlato di luglio, ma si stanno bruciando le tappe). La Regione Lazio ha contribuito con un finanziamento di 5 milioni di euro, c’è anche una raccolta fondi sul sito dello Spallanzani dove spiegano: «Se i primi test daranno un esito positivo, porteranno nel 2021 alla somministrazione del vaccino su un alto numero di persone a rischio». In questo caso, l’azienda di biotecnologie che ha elaborato il vaccino ha sede a Castel Romano (territorio di Roma, ai confini con Pomezia), si chiama ReiThera, ha 80 dipendenti, e in questi laboratori, si legge sul sito della società, si è lavorato anche sul vaccino per l’Ebola. Stefano Colloca è il responsabile per lo sviluppo tecnologico, Antonella Folgori il Ceo. Colloca, qualche settimana fa quando era ancora in corso la sperimentazione sui topi, ha spiegato: «Dai test preclinici, abbiamo una risposta anticorpale totale. Il bersaglio è la proteina Spike, che il coronavirus SarsCov2 utilizza per aggredire le cellule umane. La sequenza genetica di quest’ultima viene trasportata da un virus animale, un adenovirus degli scimpanzè reso inoffensivo e trasformato in una navetta. Si tratta di un vaccino preventivo che, iniettato per via intramuscolare, stimolerebbe la produzione di anticorpi e l’attività delle cellule immunitari».

Coronavirus, muore a New York Matteo De Cosmo, art director della Marvel: aveva 52 anni

Altra azienda di biotecnologia della provincia di Roma, già in fase avanzata nella ricerca del vaccino, è la Takis, con sede a Pomezia. Ha annunciato il Ceo Luigi Aurisicchio: «Dopo una singola vaccinazione, i topi hanno sviluppato anticorpi che possono bloccare l’infezione del virus Sars-CoV-2 sulle cellule umane». Takis punta sulla  iniezione di un frammento di Dna, seguito da un breve stimolo elettrico. Aurisicchio: «La tecnologia viene chiamata elettroporazione ed è stata messa a punto in Italia. Alla Takis stiamo già lavorando a un processo modificabile nel giro di poche settimane, qualora il virus accumuli mutazioni e diventi invisibile al sistema immunitario. Ce la stiamo mettendo tutta: è un vaccino che nasce dalla ricerca italiana, con una tecnologia tutta italiana ed innovativa, speriamo venga sperimentato in Italia e messo a disposizione di tutti. Per fare questo, abbiamo bisogno del supporto delle istituzioni e di partner che ci aiutino ad accelerare il processo». Per la sperimentazione sull’uomo si parla di settembre.

Germania, 10 giocatori positivi tra prima e seconda divisione

Sia chiaro: vale per il polo farmaceutico di Pomezia-Castel Romano, ma anche per altri progetti nel mondo, gli annunci a volte servono per fare confluire finanziamenti (come è giusto che sia) e ad oggi non vi sono certezze né sui tempi, né sull’efficacia di un qualsiasi vaccino in fase di studio. Ma la mobilitazione della scienza e dell’industria non è mai stata così massiccia su un unico obiettivo. Molte delle competenze più importanti sono proprio in provincia di Roma, di Frosinone e di Latina. Secondo il Centro studi di Unindustria il Lazio nel 2019 ha esportato 12,9 miliardi di euro di prodotti farmaceutici, pari al 38 per cento del totale nazionale.

Bonus di 800 euro per i lavoratori autonomi, Patuanelli promette: «Sarà pagato più velocemente»

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 07:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA