Covid, «mal di testa, mente annebbiata, occhi rossi e fatica»: ecco i quattro sintomi spia dei positivi

Venerdì 13 Novembre 2020 di Michele Galvani
Covid, «mal di testa, mente annebbiata, occhi rossi e fatica»: ecco i quattro sintomi spia dei positivi

Mal di stomaco, occhi arrossati, mente annebbiata e stanchezza. Ecco i quattro sintomi da non sottovalutare per capire se si è positivi al Covid: lo spiegano alcuni recenti studi incrociati, che hanno analizzato dolori ed eventuali patologie dei pazienti che poi si sono rivelati positivi al virus. Ecco voce per voce, cosa fare per comprendere la propria situazione, a seconda delle sintomatologie.

Covid, i neri rischiano 2 volte in più rispetto ai bianchi (ma non per una questione genetica)

Lo stomaco

Alcuni pazienti con il coronavirus hanno sofferto di dolori allo stomaco prima di sviluppare altri sintomi ufficiali. L'American Journal of Gastroenterology ha pubblicato uno studio che suggerisce che il virus potrebbe causare problemi digestivi importanti. Ha analizzato i dati di 204 pazienti in Cina, scoprendo che il 48,5% di loro aveva problemi di pancia come vomito, dolore addominale o diarrea quando sono stati ricoverati per la prima volta. L'adolescente Daryana Dyson, del Maryland, Baltimora, negli Stati Uniti, è morta per una condizione infiammatoria correlata al coronavirus dopo aver sofferto di mal di stomaco insieme ad altri sintomi. La mamma della quindicenne Kandace Knight ha detto a WBAL-TV: «È successo così in fretta. Non avrei mai pensato che portando mia figlia in ospedale per un mal di stomaco non sarei uscito da lì con lei»La dottoressa Diana Gall ha dichiarato al Daily Express: «I problemi di digestione e i cambiamenti nelle abitudini intestinali, sono a volte i primi segni di Covid. Tuttavia, la diarrea è stata segnalata come un sintomo precoce in pazienti che sono poi risultati positivi».

 

Gli occhi

I medici hanno avvertito che le infezioni agli occhi potrebbero essere un altro segno. Secondo l'American Academy of Ophthalmology, la congiuntivite si sviluppas in circa l'1% -3% dei pazienti. Chelsey Earnest, un'infermiera del Life Care Center di Washington, ha affermato che gli occhi rossi sono il «segno più importante» che i pazienti hanno il Covid-19. Parlando alla CNN ha spiegato: «Hanno, tipo ... occhi allergici. La parte bianca dell'occhio non è rossa. È più come se avessero un ombretto rosso all'esterno degli occhi». L'American Academy of Ophthalmology ha specificato: «Se vedi qualcuno con gli occhi rosa, niente panico. Non significa che quella persona sia stata infettata dal coronavirus». Ma i funzionari sanitari ritengono che il virus possa diffondersi «toccando il fluido dagli occhi di una persona infetta o da oggetti che trasportano il fluido».

Lockdown, i bimbi nati morti triplicati nel Lazio. Studio La Sapienza: «Colpa dei controlli saltati»

Covid, Burioni: «Basta blaterare di immunità di gregge, stop bugie pericolose: serve il vaccino»

La mente

Anche un annebbiamento del cervello, o della mente, è solitamente un sintomo associato al virus, tuttavia alcuni pazienti la sperimentano prima che venga diagnosticata la malattia stessa. Thea Jourdan ha detto al Daily Mail di aver pensato per la prima volta di essere stata infettata quando ha avuto un solletico in gola e un mal di testa. La mamma di tre bambini ha detto: «Inizialmente mi sentivo esausta, come se non avessi altra scelta che andare a letto. Non avevo tosse significativa e non avevo la febbre. Avevo anche la nebbia del cervello. Non riuscivo nemmeno a compilare i moduli delle scuole per bambini. Volevo solo dormire, cercando di tenere i bambini al sicuro e lontani dalla mia area di quarantena»Altri hanno anche riferito di aver lottato per mantenere i pensieri o ricordare le cose durante il giorno. Christy, una donna di Seattle che ha negato il proprio cognome, ha raccontato all'HuffPost come la sua febbre sia progredita in «congestione sinusale, mal di testa e una sorta di nebbia cerebrale che rendeva impossibile la concentrazione». La dottoressa Hilary Jones ha detto: «Chi ha questi sintomi si sento come paralizzato, incapace di pensare».

Vaccino Covid, i medici di Washington: «Trovato uno 10 volte più forte degli attuali, non ha bisogno di essere congelato»

La fatica

Uno studio dell'Oms ha esaminato i segni comuni del contagio: è stato rilevato che il terzo sintomo più comune del coronavirus era una sensazione di stanchezza. Circa il 38,1% dei pazienti ha riportato il sintomo nello studio, basato su 55.924 casi confermati in laboratorio. I ricercatori hanno precedentemente descritto la stanchezza come uno dei «cavalli oscuri dei sintomi di Covid», insieme al mal di testa. Utilizzando i dati dell'app Covid Symptom Study, i ricercatori hanno creato un elenco dei sintomi più comuni riportati dai pazienti nei primi sette giorni dopo l'insorgenza della malattia. «I primi sintomi più comunemente sperimentati sono in realtà mal di testa (82%) e affaticamento (72%) in tutte le fasce d'età. Solo il 9% degli adulti positivi al di età compresa tra i 18 e i 65 anni non ha avuto mal di testa o affaticamento». I ricercatori hanno aggiunto: «Mentre mal di testa e affaticamento si trovano comunemente nelle persone che hanno Covid (insieme ad altri sintomi), è improbabile che avere uno o entrambi i sintomi da soli sia indicativo di aver contratto il virus».

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA