Diabete, tre volte più alti i rischi di aggravarsi a causa del Covid: priorità vaccino

Lunedì 7 Dicembre 2020
Diabete, tre volte più alti i rischi di aggravarsi a causa del Covid: priorità vaccino

I diabetici hanno una probabilità 3 volte più alta di contrarre il covid in forma più grave, al punto da richiedere un ricovero. In particolare, uno studio del Vanderbilt University Medical Center rileva che le persone con diabete di tipo 1 e 2, infettate da Covid-19, hanno una probabilità tre volte maggiore di contrarre una malattia grave. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Diabetes Care: risultati che arrivano alla politica come una richiesta urgente. Infatti, alla luce di questi dati, gli esperti sostengono che nel caso di una vaccinazione imminente, la priorità nel ricevere le dosi dovrebbe essere data proprio ai diabetici.

Coronavirus, bollettino di oggi 7 dicembre: 13.720 contagi e 528 morti. Il tasso di positività è al 12,3%

Analizzati seimila pazienti

In particolare, sembra che le cartelle cliniche dei seimila pazienti campionati, suddivisi tra diabetici (sia di tipo 1, sia di tipo 2) e non diabetici, ha permesso di rilevare questo dato. La verifica è stata condotta su pazienti del periodo compreso tra marzo e agosto 2020. Il team di ricercatori ha identificato cartelle cliniche elettroniche di oltre 6mila pazienti con una diagnosi di Covid-19 durante il periodo da metà marzo fino alla prima settimana di agosto. Gli studiosi hanno quindi esaminato le cartelle cliniche dei pazienti e contattato molte persone per telefono per individuare gli elementi di rischio, così da poter avere maggiori informazioni su come il coronavirus avesse avuto impatto sulla loro salute.

 

 

 

 

Importante lavarsi le mani

«In particolare le persone con diabete di tipo 1 non hanno bisogno di vivere nella paura e avere un'ansia eccessiva, ma devono essere davvero diligenti nel fare le cose che tutti dovremmo fare. Tutti noi dovremmo lavarci le mani e stare a una distanza di sicurezza. Dovremmo infine anche essere coscienziosi nel limitare il tempo trascorso con persone fuori dalla nostra famiglia», così uno dei principali autori della ricerca, Justin Gregory.

Vaccino Covid, medico inglese smonta le tesi negazioniste con un tweet: «Rischio massimo? Allergia alimentare»

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 11:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA