Vaccino Covid, a Modena inizia la fase 3 di sperimentazione: Astrazeneca cerca altri 300 volontari

Mercoledì 4 Novembre 2020
Vaccino Covid, ad Oxford inizia la fase 3 di sperimentazione: Astrazeneca cerca altri 300 volontari

Cercasi volontari per il vaccino anti Covid. In Italia parte la sperimentazione di fase 3 per il vaccino di Oxford-Astrazeneca: il primo via presso l'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, tra i sette centri scelti in Italia, dove le inoculazioni partiranno indicativamente il primo dicembre. Nel mese di novembre saranno arruolati 300 volontari, dai 18 anni in su, che saranno sottoposti a sperimentazione a doppio cieco: a 200 sarà somministrato il vaccino e agli altri 100 il placebo. A breve sarà a disposizione un numero verde per informazioni e raccogliere le candidature. Saranno scelti i primi 300 che ne fanno richiesta e che soddisfano i criteri.

Vaccino Covid, i medici di Washington: «Trovato uno 10 volte più forte degli attuali, non ha bisogno di essere congelato»

I volontari che parteciperanno dovranno essere «persone sane, non pazienti - precisa la direttrice dell'infettivologia del Policlinico di Modena, Cristina Mussini - di ogni età, ovviamente che siano maggiorenni e con qualsiasi patologia, purché stabili». Per effettuare i vaccini, quindi, verrà utilizzato uno spazio nel poliambulatorio: le persone, poi, verranno seguite per due anni, per capire quanto dura l'immunità al Covid.

Il primo prelievo sarà a sei mesi dal vaccino, il secondo a un anno. Se tutto andrà come previsto, i primi vaccini sono attesi per aprile 2021. «Sarà un bello sforzo», spiega Mussini, soprattutto per il personale del Policlinico, già alle prese con i pazienti infetti: «Non ci sono medici e infermieri, il personale è sempre lo stesso che segue il covid e che dovrà fare i turni per i vaccini. Abbiamo una task force da poveri». «Al momento - fa i conti Mussini - abbiamo 200 ricoverati per covid. Se la curva dovesse crescere di più rischiamo di dover chiudere l'ospedale. Per questo è importante fare il vaccino». Per quanto riguarda il livello di sicurezza del vaccino, «è come quello dell'influenza», quindi potranno esserci effetti collaterali come «febbre, mal di testa e sintomi simil-influenzali. Raramente qualche coinvolgimento neurologico, ma solo di tipo transitorio: si parla di un caso su migliaia di pazienti in fase due».

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 10:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA