La tendenza Usa: depressione nel mirino al ritmo della musica rap

Giovedì 14 Gennaio 2021 di Barbara di Chiara

Le canzoni rap, popolarissime negli Stati Uniti e ormai da tempo anche in Italia, nei loro testi fanno sempre più riferimento alla depressione e al suicidio. Ma questa è una buona notizia, secondo un nuovo studio dell’Università del North Carolina a Chapel Hill, pubblicato sulla rivista “Jama Pediatrics”: così, infatti, aiutano a stimolare consapevolezza e dialogo su questi delicati temi, soprattutto fra i più giovani, in particolare maschi. «Questi artisti sono considerati le persone più “cool” della terra dai nostri ragazzi», fa notare l’autore principale dello studio, Alex Kresovich. «Il fatto che parlino di salute mentale potrebbe avere enormi implicazioni sul modo in cui i giovani considerano e affrontano questo tema, che spesso li riguarda in prima persona».

Leggi anche:

Il racconto dell'attrice Michela Andreozzi: «Piangevo strane lacrime, diventerò una vecchia modella orientale»

Covid, medicina territoriale e ospedali, il prof. Angelillo: dall'emergenza un nuovo sistema sanitario. Ecco come

L’ANALISI

La ricerca, che ha analizzato i testi delle 25 canzoni rap più famose negli Stati Uniti nel 1998, nel 2003, nel 2008, nel 2013 e nel 2018 (anno in cui questo genere musicale è diventato ufficialmente il più venduto negli Usa) ha messo in evidenza che la proporzione di pezzi che fanno riferimento ai disturbi mentali è più che raddoppiata tra il 1998 e il 2018. La maggior parte degli artisti è uomo e un terzo delle canzoni parlava di ansia, il 22% faceva riferimento alla depressione e il 6% al suicidio. Fedeli al loro stile autobiografico, gli artisti rap riflettono nella loro musica l’angoscia provata da chi soffre di queste malattie e dalle persone intorno a loro. Soprattutto usando metafore, come ad esempio “spingersi al limite” o “combattere i propri demoni”, che alludono a una sensazione di ansia, senza mai nominarla esplicitamente. E i ricercatori che hanno condotto lo studio sono convinti che l’aumento di messaggi del genere potrebbe plasmare positivamente il dibattito sulla salute mentale nelle nuove generazioni: studi precedenti hanno ampiamente dimostrato che le rivelazioni fatte dalle celebrità sui loro punti deboli, soprattutto una malattia, riducono lo stigma e incoraggiano i fan a chiedere aiuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 12:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA