Oms: ogni 11 secondi muore una donna o un bambino, soprattutto in Africa. Polmonite e malaria le prime cause

Giovedì 19 Settembre 2019
Oms: ogni 11 secondi muore una donna o un bambino, soprattutto in Africa. Polmonite e malaria le prime cause

Se dal 2000 i decessi infantili sono diminuiti di quasi la metà e quelli materni di oltre un terzo, i numeri che arrivano oggi dall'Oms preoccupano ancora. L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima infatti che ogni anno a morire sono quasi 3 milioni di donne incinte e di neonati, uno ogni 11 secondi. Il nuovo report rivela inoltre che nel 2018 i bambini morti sotto i 15 anni sono 6,2 milioni, mentre le donne decedute a causa di complicazioni durante il parto o la gravidanza si attestano poco sotto le 300 mila unità.

 


LEGGI ANCHE Neonati, l'allarme Onu: «Ogni giorno nel 2016 ne sono morti 7mila»

Le cause principali dei decessi dei bambini entro il quinto anno di vita sono malattie come la polmonite, la diarrea e la malaria. Geograficamente poi, gli Stati che continuano a soffrire più di altri sono sempre gli stessi: i bambini nati in Paesi dell'Africa, in particolare quella sub-sahariana, rischiano di morire nel primo mese di vita dieci volte più che quelli nati in altre zone del mondo più ad alto reddito. 

LEGGI ANCHE Nel mondo muoiono 5 persone al minuto per terapie non sicure

In generale il rapporto sottolinea però quanti progressi siano stati compiuti dal 1990 a oggi, in particolare negli stati dell'Est e Sud est asiatico. Dal 1990, il numero di morti prima del quindicesimo anno di età è calato di oltre il 50% (da 14,2 milioni sono scesi a 6,2), mentre dal 2000 al 2017 il tasso di mortalità materna è diminuito del 38%.

LEGGI ANCHE Unicef: oggi nasceranno nel mondo 400mila bambini, poco più di mille in Italia che potrebbero vivere fino al 2103

© RIPRODUZIONE RISERVATA